Teheran taglia la spesa pubblica

53

IRAN – Teheran. 20/023/15. Il Vice Direttore Amministrazione Sviluppo e Risorse Umane dell’Ufficio presidenziale iraniano Mahmoud Askari Azad ha detto che i dipendenti pubblici sono diminuiti del tre per cento.

Si tratta di 68.201 persone che attraverso il pensionamento e la privatizzazione nei primi 18 mesi di amministrazione in carica hanno ricevuto il ben servito. Fonte Ufficio Relazioni con il Pubblico della Direzione e Pianificazione Organizzazione.
L’Iran sta riducendo il numero dei dipendenti pubblici in linea con le linee guida da parte della Guida Suprema Ali Khamenei e il Piano di Sviluppo 5 ° (2010-2015). Nel frattempo, l’attuale amministrazione ha emesso certificati di lavoro per 2.716 persone. Certificati per oltre 13 mila addetti durante la precedente amministrazione sono stati finalizzati, secondo Askari Azad. Così, 84.000 persone non sono più dipendenti pubblici, mentre 15.799 sono le nuove assunzioni nel pubblico impiego. La mossa non ha precedenti nella storia del governo iraniano e se la tendenza è continua, in 3 anni, il numero di dipendenti raggiungerà il livello desiderato dal governo, ha detto il funzionario. Il governo iraniano ha previsto un vasto programma di privatizzazione nel Piano di sviluppo quinquennale Quinto (2010-2015), con l’obiettivo di privatizzare circa il 20 per cento delle imprese di proprietà statale ogni anno. In linea con l’articolo 44 della Costituzione iraniana, centinaia di aziende statali sono state privatizzate con alcune delle azioni oggetto destinate alle classi “private”, quali gli agricoltori e i lavoratori. Più di 1.320 miliardi di rial (circa 38 miliardi dollari) di azioni statali sono state cedute in Iran dal 1384 anno iraniano (iniziato nel marzo 2005).