IRAN. Prorogati i termini di scadenza per i contratti NIOC

34

La National Iranian Oil Company ha esteso il termine per le offerte su progetti di petrolio e gas.

Il vertice della Nioc, Ali Kardor ha detto che la scadenza per le offerte è stato rinviata al 15 febbraio L’ente iraniano è andato ben oltre la proroga del termine originario di fine di gennaio, perché «le informazioni di alcune aziende non erano complete», ha detto Kardor (nella foto) ripreso da Press TV

Kardor ha poi aggiunto che la British Petroleum non aveva ancora presentato un’offerta. «Bp non ci ha ancora inviato le sue informazioni. Anche se abbiamo detto si tratta di un processo ufficiale ed è necessario inserire i dati, ma non lo hanno fatto».

A gennaio, il ministero del Petrolio iraniano aveva pubblicato un elenco di 29 aziende internazionali qualificati per le offerte per i progetti di petrolio e gas in seguito alla revoca delle sanzioni sul nucleare.
Da allora, l’Iran ha ricevuto offerte dall’anglo-olandese Shell, dall’italiana Eni, dalla francese Total, dalle russe Gazprom e Lukoil, e dall’olandese Schlumberger. I giganti asiatici come la cinese Cnpc e Sinopec International, le giapponesi Mitsubishi Corporation e Japan Petroleum Exploration avevano presentato offerte assieme ad aziende provenienti dalla Malesia e dalla Corea del Sud.

L’Iran ha aumentato la sua produzione a 3,9 milioni di barili al giorno dai 2,6 milioni di barili al giorno nel 2013. Il paese ha già firmato una raffica di accordi con aziende internazionali. Nel mese di novembre, la francese Total ha firmato un accordo preliminare per un progetto di 4,8 miliardi di dollari, pari a 4,3 miliardi di euro, per lo sviluppo di un giacimento di gas off-shore a South Pars, che l’Iran condivide con il Qatar.

A dicembre, Teheran ha firmato un protocollo d’intesa con la russa Gazprom per lo sviluppo di due importanti giacimenti petroliferi. Inoltre nel mese di dicembre, ha firmato tre offerte preliminari con Shell per esaminare lo sviluppo di importanti giacimenti di petrolio e di gas.

Anna Lotti