Teheran decisa a superare crisi del petrolio

25

IRAN – Teheran 24/12/2014. L’Iran supererà con successo la caduta del prezzo del petrolio, ha annunciato il presidente iraniano Hassan Rouhani a Irinn Tv il 24 dicembre.

Rouhani ha detto che il prezzo del petrolio è sceso a causa delle condizioni economiche globali e dalla volontà politica di alcuni paesi, ma che la Repubblica islamica supererà la crisi. Ha poi anche previsto che l’attuale di caduta non sarà permanente e il trend sarà invertito. Rouhani ha in molte occasioni sostenuto che il calo del prezzo del petrolio è una questione politica più che economica. Gli ha fatto eco, Ali Larijani, presidente del parlamento, secondo cui il prezzo del petrolio possa essere sfruttato come leva per modificare assetti e temi strategici nella regione, aggiungendo poi «non dimenticheremo quali paesi hanno cospirato per la riduzione dei prezzi del petrolio». Ai primi di dicembre Rouhani aveva detto che «il calo del prezzo del petrolio è un complotto contro il popolo della regione e i musulmani a vantaggio di altri paesi». Il calo del prezzo mondiale del greggio da quasi 110 dollari al barile al di sotto dei 60 dollari, negli ultimi mesi, ha messo sotto pressione l’economia iraniana che già soffre per le sanzioni internazionali. C’è incertezza su come il governo finanzierà il bilancio per il prossimo anno fiscale, che inizierà a marzo 2015. Rouhani ha già confermato che i proventi del petrolio della Repubblica Islamica sono diminuiti del 30 per cento a causa del calo dei prezzi.