Intesa Iran – Oman sulla Difesa

49

OMAN – Muscat 19/09/2013. Le forze armate di Oman e Iran lavoreranno insieme nel contrasto al traffico di droga e di esseri umani nella zona a seguito di un Memorandum d’intesa (Mou) firmato il 17 settembre tra i ministri della Difesa dei due paesi a Teheran. 

Sayyid Badr Bin Saud Bin Harib Al Bu Saidi, ministro dell’Oman Responsabile per gli Affari della Difesa, e il ministro iraniano della Difesa, il generale di brigata Hussain Dehghan, hanno firmato un protocollo d’intesa a Teheran, che la Oman News Agency (Ona) ha detto potrebbe essere il quadro di riferimento per la cooperazione militare tra i ministeri della difesa di entrambi i “paesi amici”. L’iraniana Press Tv ha riferito che in base all’accordo, le Forze Armate di Iran e Oman aumenteranno la cooperazione nei settori istruzione, sport e cultura e lavoreranno insieme per contrastare i traffici di droga e di esseri umani. L’Oman ha dovuto affrontare il problema del traffico di esseri umani per oltre un decennio; un gran numero di migranti asiatici vengono attraversano a piedi l’Iran dal confine con il Pakistan e poi sono imbarcati verso la costa dell’Oman, in particolare nella regione settentrionale del Paese. Questi clandestini, secondo la polizia dell’Oman, sarebbero dietro l’aumento del tasso di criminalità e dell’uso di stupefacenti nella società omanita. Già nel 2008, l’inviato iraniano in Oman, Morteza Rahimi, aveva detto a Gulf News che l’Iran era determinato a fermare questa pratica. In cinque anni a partire dal 2002, l’Oman ha arrestato circa 40mila immigrati clandestini, che si crede arrivati via mare. Ci sono stati sforzi tripartiti tra Oman, Iran e Pakistan per contrastare il traffico umano, ma i clandestini continuano ad essere un problema per Muscat. «La sicurezza del Golfo si intreccia con la sicurezza globale e l’Iran ha lanciato lo slogan di pace e stabilità per la regione, necessità vitale per entrambi i paesi della regione e del mondo» ha detto Hussain Dehqan sulla tv iraniana Press Tv. «La cooperazione di difesa con i paesi della regione è stata anche discussa e speriamo nella collaborazione dell’Oman» ha detto Dehqan all’Irna che la sicurezza è possibile solo attraverso una cooperazione costruttiva tra i paesi della regione sulla costruzione della fiducia e di buone relazioni di vicinato. Facendo riferimento alla storia dei legami tra Iran e Oman, Dehghan ha citato la recente visita del sultano Qaboos bin Saeed in Iran e ha sottolineato l’esistenza di legami di amicizia tra i due paesi, in particolare nel campo della cooperazione di difesa. Dehqan ha poi detto che le relazioni nel settore della difesa tra Iran e Oman potrebbero servire da modello per legami costruttivi e fecondi, notando che i due paesi devono lavorare per rendere gli altri paesi del Golfo che adottano politiche simili.