L’Iran cerca il dialogo con i paesi del Golfo

47

IRAN – Teheran. 09/10/13. Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha rassicurato i vicini arabi dell’Iran che l’accordo nucleare di Teheran con il sestetto di potenze mondiali migliorerà la situazione della sicurezza in Medio Oriente. A darne notizia PressTV

 

In una recente intervista televisiva con Al Jazeera, Zarif ha parlato delle preoccupazioni dei paesi arabi sulle conseguenze del l’accordo nucleare e ha detto: «I nostri amici nella regione non hanno nulla da temere, questo accordo non farà che rafforzare la nostra sicurezza».

«L’Iran non cerca di armi nucleari. Non crediamo che le armi nucleari aumenteranno la nostra sicurezza. Crediamo che anche la percezione che si ha dell’Iran come Paese che cerca armi nucleari è distruttivo per la nostra sicurezza. È dannoso per la nostra sicurezza», ha detto il minsitro.

«Siamo contro le armi nucleari basate sulla dottrina religiosa, sulla base di considerazioni strategiche, sulla base di considerazioni etiche e sulla base di considerazioni politiche e di considerazioni giuridiche. Le armi nucleari non hanno posto nella nostra dottrina di difesa» ha dichiarato Zarif.

L’accordo provvisorio siglato tra l’Iran e i sei paesi il 24 novembre pone le basi per la piena risoluzione della controversia decennale con l’Occidente per il programma nucleare iraniano.

In cambio di un’offerta rafforzamento della fiducia di Teheran di limitare alcuni aspetti delle sue attività nucleari il sestetto ha accettato di alleviare alcune delle sanzioni esistenti contro la Repubblica islamica. Inoltre, non ci sranno nuove sanzioni contro l’Iran nel corso dei prossimi sei mesi.

Zarif ha chiesto un fronte unito di tutti gli Stati del Medio Oriente di agire contro la minaccia delle armi nucleari e creare una regione priva di armi di distruzione di massa.

Zarif ha toccato nuovo approccio dell’Iran alla politica estera e questione nucleare dopo l’elezione del presidente Hassan Rouhani, e ha osservato : «I nostri principi di politica estera non sono cambiati. Noi insistiamo sui nostri diritti su cui non si può negoziare. Noi non compromettiamo i diritti fondamentali del popolo iraniano».

Il ministro degli Esteri iraniano ha ribadito che vi sarà un approccio trasparente dell’Iran nel suo programma di energia nucleare, come dimostrato in anni di ispezioni da parte dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica .

Secondo il ministro degli esteri le ispezioni sul programma nucleare iraniano degli ultimi 10 anni hanno dimostrato che l’Iran non ha armi nucleari. «Quindi, non siamo preoccupati. sappiamo che siamo trasparenti», ha detto.