IRAN. Mosca svilupperà i campi petroliferi di Teheran

41

di Anna Lotti  IRAN – Teheran 16/12/2016. Il ministro dell’energia russo Alexander Novak ha detto che Mosca è pronto a partecipare a progetti petroliferi e del gas dell’Iran.
Novak, all’interno del forum sul commercio Iran-Russia ha detto che continueranno la cooperazione nei progetti di sviluppo nel settore del petrolio e del gas, così come nella costruzione di centrali del gas, elettriche e nucleari, riporta l’agenzia Shana.
Novak, facendo riferimento alla rimozione delle sanzioni contro la Repubblica islamica, ha detto che ora tutto è pronto per investimenti russi nei progetti petroliferi e del gas di Teheran

L’Iran, infatti, progetta di assegnare lo sviluppo di sette campi petroliferi a società russe, come aveva annunciato il ministro del Petrolio iraniano Bijan Zanganeh, secondo cui le compagnie russe intendono sviluppare e aumentare il tasso di recupero dei campi. Questo tasso, riporta Trend, è mediamente di circa il 25 per cento, ma alcuni dei campi giganti come Yadavaran e Azadegan hanno recuperi di circa il 6-7 per cento. L’Iran ha già firmato memorandum di intesa con Lukoil per i campi di Ab-Teymour e Mansouri, che contengono oltre 5 miliardi di barili di riserve recuperabili.

L’indonesiana Pertamina e la National Iranian Oil Company hanno firmato un altro accordo per effettuare uno studio preliminare sugli stessi campi nell’agosto 2016. Zanganeh ha detto che l’Iran ha firmato protocolli d’intesa con la russa Zarubezhneft russa per  West Paydar e con Tatneft per i giacimenti petroliferi di Aban e Dehloran.
Aban e West Paydar sono tra i campi petroliferi che l’Iran condivide con l’Iraq.