La moda social dell’Iran

156

IRAN – Teheran 20/04/2014. Con gli eventi legati al Nowruz, cioè al capodanno iraniano, l’industria dell’abbigliamento in Iran ha voltato pagina.

Riporta Al Monitor che è stato presentato uno stile più alla moda. La maggior parte della classe media iraniana generalmente non potevano permettersi di comprare i vestiti di un certo livello ma i dati usciti dal Festival Fashion Fajr dicono il contrario. Quest’anno, riporta il quotidiano, un evento collaterale della fiera della moda ha attratto i visitatori utilizzando attori e cantanti popolari, che hanno posato per le foto con i visitatori e firmato autografi e presentato i loro nuovi album. Il settore privato, adottando un approccio fashion- forward , è diventato attivo nel presentare l’abbigliamento, soprattutto femminile. Molti includevano elementi presi dalle settimane della moda occidentali integrandoli col canone sciita. Inoltre, un certo numero di stilisti più giovani sono emersi sulla scena della moda nel corso degli ultimi due anni grazie la fatto che producono abiti casual a prezzi accessibili per abbigliamento di tutti i giorni. Uno di questi gruppi di giovani stilisti è Anargol, i cui membri hanno avuto un discreto successo , soprattutto attraverso il passaparola dei social media, in particolare Facebook. Anargol produce mantelli, gonne e scialli (indossati ial posto del velo). Il tessuto viene importato da Cina, Thailandia e India. Stilisti e produttori come Anargol solitamente non partecipano agli eventi di moda sostenuti dal governo. Alcuni sfilate si tengono in case private proprio col passaparola. Aziende come Anargol, hanno designer e sarti e fanno sfilate semestrali o stagionali,; fanno cioè passarelle ormai sempre più popolari in Iran. Alcune sono chiamate “boutique”, ma sono per lo più identificate come “maison”, nome ampiamente utilizzato in Iran per decenni. “Maison” è generalmente usato in riferimento a boutique di lusso che fanno vestiti su misura o importati e scarpe per le donne; mentre le boutique sono negozi di fascia alta che vendono abbigliamento mainstream importato e calzature per uomini e donne, di solito in quartieri di lusso e spesso nelle grandi città. Piattaforme di social media come Facebook, Instagram e i blog sono i metodi più popolari e ampiamente utilizzati per passare in modo sicuro parola prima di un evento.