IRAN. Mega contratti petroliferi a Giappone, Cina e Corea del Sud

63

L’Iran intende firmare i suoi più grandi contratti per la raffinazione di petrolio, valore 8.6 miliardi di dollari, con aziende giapponesi, cinesi e coreane a febbraio.

Secondo quanto riporta Press Tv, il più grande affare è riservato alle aziende nipponiche Marubeni, Chiyoda e Mitsui e riguarda l’aggiornamento della raffineria di Isfahan. Secondo il vice ministro del petrolio Abbas Kazemi: «I negoziati sono stati tenuti con tre società e l’affare per questo imponente progetto di raffinazione del valore di 3.6 miliardi di dollari dovrebbe essere finalizzato presto».

Un contratto separato del valore di 2 miliardi di dollari sta per essere firmato con la sudcoreana Daelim per aumentare la capacità di lavorazione del petrolio sempre della raffineria di Isfahan.

Tuttavia, il contratto più imminente dovrebbe essere concluso entro il prossimo paio di settimane con i cinesi per sviluppare e migliorare la qualità della raffineria di Abadan: il contratto avrà un valore di 3 miliardi di dollari.

Kazemi prevede l’attuazione del progetto a partire dal corrente mese persiano di Bahman con la partecipazione di funzionari dei due paesi, così come alti dirigenti della cinese Sinopec.

Il programma vedrà la produzione di petrolio forno nello stabilimento di tagliare a circa il 20% dal 40% attuale, ha detto il ministro.

La Cina ha aperto un finanziamento per il piano da 1,3 miliardi di dollari, ha detto il ministro, aggiungendo che un altro da 1,7 miliardi dovrebbe essere aperto in primavera.

L’Iran ha in programma di firmare 14 miliardi di dollari di contratti per correggere e migliorare la qualità delle raffinerie di Teheran, Bandar Abbas, Isfahan, Tabriz e Abadan, ha detto Kazemi che è anche amministratore delegato della National Iranian Oil Refining and Distribution Company.

Kazemi ha detto che le raffinerie iraniane operano attualmente con una capacità di 500mila barili al giorno di prodotti petroliferi, che saliranno a 600mila barili al giorno nel nuovo inizio anno persiano, il 20 marzo 2017.

Lucia Giannini