IRAN. La politica estera secondo Khamenei

39

Il 17 gennaio, l’Ayatollah Ali Khamenei ha detto ai sostenitori che l’aiuto di Dio ha permesso all’Iran di “prendere a schiaffi” gli Stati Uniti. Khamenei ha detto che l’Iran ha inferto un «colpo all’immagine dell’America» come superpotenza; «la resistenza deve continuare fino a quando la regione non sarà completamente liberata dalla tirannia del nemico», ha aggiunto.

Nel suo lungo discorso, riportano khameni . ir e iranprimer, Khamenei ha chiesto l’unità nazionale dopo una serie di crisi. «Queste due settimane sono state straordinarie e movimentate. Eventi amari e dolci. Lezioni che abbiamo imparato. Il popolo iraniano ne ha passate tante», ha detto Khamenei. L’ultima volta che la Guida Suprema ha guidato le preghiere del venerdì è stato nel febbraio 2012, quando l’Iran ha dovuto affrontare il contraccolpo internazionale per il suo controverso programma nucleare. 

Khamenei ha dato la colpa agli Stati Uniti e all’Occidente per i disordini dell’Iran. Ha accusato i «clown americani» di cercare di usare l’«amaro incidente» dell’aereo di linea abbattuto per mettere in ombra le «decine di milioni» che hanno riempito le strade per onorare Soleimani: «Questi governi spregevoli aspettano di mettere in ginocchio la nazione iraniana (…) L’America, che è il vostro tutore, il vostro leader e il vostro padrone, non è stata in grado di mettere in ginocchio la nazione iraniana. Siete troppo piccoli per mettere in ginocchio la nazione iraniana».

Nella sua predica, riportata dal sito iraniano dedicato a Khamenei, la Guida Suprema ha così tratteggiato la situazione Iraq: «Cosa significa “I giorni di Allah”? È il giorno in cui si vede la potenza di Dio negli eventi. Il giorno in cui 10 milioni di milioni in Iran e 100 mila in Iraq e in altri Paesi sono scesi in strada per venerare il martire Soleimani creando il più grande funerale del mondo. Questo è uno dei giorni di Allah. Il giorno in cui i missili dell’Irgc hanno demolito la base militare statunitense in Iraq è anche uno dei giorni di Allah. Una nazione che ha lo spirito di prendere a schiaffi un potere globale, molesto e arrogante in questo modo mostra il potere di Dio ed è uno dei giorni di Allah».

Per poi proseguire sul ruolo dei pasdaran: «Per anni gli Stati Uniti hanno ricevuto colpi dalla Resistenza in Siria, Iraq, Libano e Afghanistan. Ma bombardare una base militare statunitense è stato più grande di questi, perché ha sfidato il prestigio e lo stupore degli Stati Uniti. Hanno detto che intensificheranno le sanzioni. Questo non può riconquistare la loro dignità. La Forza Quds è un’entità con nobili obiettivi umani. La Forza Quds guarda ovunque e guarda tutti con tolleranza. Sono combattenti senza frontiere che vanno ovunque sia necessario per proteggere la dignità degli oppressi. Fanno sacrifici per proteggere la santità. I combattenti della Forza di Quds sacrificano la loro vita per aiutare gli oppressi nella regione. Li aiutano ad affrontare il terrorismo e l’arroganza e ad allontanare l’ombra della guerra, del terrore e della distruzione dall’Iran e da altri Paesi».

Infine, la Guida Suprema dell’Iran delinea il dovere della nazione iraniana: «Qual è il nostro dovere? La cara nazione iraniana deve diventare più forte. Il potere non è solo militare. L’economia del Paese deve essere rafforzata. La dipendenza dal petrolio deve cessare. La crescita scientifica e tecnologica deve continuare. Il sostegno a tutto questo è la presenza del popolo».

Graziella Giangiulio