IRAN. Khamenei: “Sosterremo il Jihad palestinese contro l’Accordo del Secolo USA”

159

L’Iran sosterrà i gruppi armati palestinesi il più possibile, ha detto il 5 febbraio il leader supremo dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei, esortando i palestinesi a rigettare il piano statunitense per la pace israelo-palestinese. 

«Noi crediamo che le organizzazioni armate palestinesi sosterranno e continueranno la resistenza e la Repubblica Islamica vede il sostegno ai gruppi palestinesi come un suo dovere», ha detto Khamenei in un discorso tenuto sul suo sito web, ripreso da Arab News.

«Quindi li sosterrà in qualsiasi modo e per quanto possibile e questo sostegno è il desiderio del sistema islamico e della nazione iraniana», prosegue Khamenei.

Il mese scorso il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato un piano statunitense che prevede la creazione di uno Stato palestinese con condizioni rigorose, ma che permetterà a Israele di prendere il controllo degli insediamenti ebraici da tempo contesi nella Cisgiordania occupata. I leader palestinesi hanno respinto il piano definendolo a favore di Israele.

«Il piano di Trump va a scapito dell’America e i palestinesi dovrebbero affrontare l’accordo costringendo israeliani e americani ad abbandonare la lotta», ha detto Khamenei, secondo il suo sito ufficiale.

Sul tema, l’establishment iraniano è compatto. Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif e il presidente dell’Ufficio Politico di Hamas, Ismail Haniyeh, hanno tenuto una conversazione telefonica sugli ultimi sviluppi in Palestina e sul “Deal of Century” Usa, riporta Irna. Zarif ha condannato con fermezza il”Deal of Century”, chiedendo il consenso del popolo e dei leader palestinesi per fare resistenza. Ha sottolineato l’unità e la solidarietà tra i gruppi politici palestinesi, la nazione e i governi in cerca di libertà nell’affrontare la cospirazione del secolo. 

Zarif ha elaborato le posizioni dell’Iran a sostegno della legittima difesa dei palestinesi contro gli israeliani. Ha anche sottolineato l’importanza dell’opposizione dei movimenti popolari e governativi contro il progetto statunitense. Nel frattempo, Haniyeh ha evidenziato la posizione negativa dei palestinesi contro il Deal of Century. Ha anche sottolineato la determinazione dei gruppi di resistenza a combattere l’occupazione israeliana.

Haniyeh ha ringraziato l’Iran per gli sforzi fatti tesi a sostenere i palestinesi, che, inoltre, sono scesi in strada a Gaza e in Cisgiordania per protestare contro il piano di Trump a favore di Israele a spese dello Stato palestinese.

Anche il presidente iraniano Hassan Rouhani, Sempre il 5 febbraio, ha condannato gli americani perché commettono un atto terroristico quando sanzionano le banche contro l’Iran e creano problemi alle esportazioni di Teheran. Il presidente iraniano ha detto che le sanzioni più severe imposte dagli Stati Uniti all’Iran negli ultimi due anni sono illegali e contro gli impegni internazionali, le leggi e la risoluzione delle Nazioni Unite.

Intervenendo alla cerimonia di chiusura del premio per il 37° libro dell’anno dell’Iran e del 27° premio mondiale per il libro dell’anno Rouhani ha detto che gli Stati Uniti hanno compiuto un atto terroristico contro il popolo iraniano. Per Rouhani, l’America si è messa contro una nazione: stanno esercitando pressioni contro una grande nazione amante della cultura e una nazione con scienza e conoscenza da secoli e millenni.

Luigi Medici