30 miliardi di dollari con l’IPC

18

IRAN – Teheran 25711/2015. L’Iran sta preparando una nuova forma di contratti petroliferi da presentare agli investitori internazionali.

Si tratta dell’Iran Petroleum Contract (Ipc). Secondo quanto affermato dal ministro del Petrolio iraniano Bijan Namdar Zanganeh, ripreso dall’agenzia Shana il 25 novembre. Teheran ritiene che i contratti Ipc possano aumentare l’attrattiva dei progetti petroliferi iraniani per gli investitori stranieri, riguardando un pacchetto complesso che offre agli appaltatori varie fasi di esplorazione, sviluppo e produzione. Zangeneh ha poi detto che vi è la prospettiva che gli investimenti possano raggiungere la somma di 30 miliardi di dollari nel quadro dei nuovi contratti. il ministro ha poi aggiunto che l’Iran accoglie investimenti esteri nel settore energetico, ma ha sottolineato il necessario trasferimento di tecnologie da parte dei partner stranieri presente nei nuovi contratti. Alla conferenza Ipc, prevista per la settimana prossima, dovrebbero partecipare imprese straniere interessate allo sviluppo dell’industria petrolifera iraniana nell’era post-sanzioni, e una conferenza di follow-up si terrà a Londra il 22-24 febbraio dopo l’evento Ipc di Teheran. Sulla scia dell’accordo sul nucleare raggiunto lo scorso mese di luglio, l’Iran ha ricevuto rappresentanti di grandi aziende di Germania, Spagna, Austria, Italia e Francia per discutere nuove iniziative di cooperazione.