Filtri iraniani per Instagram

32

IRAN – Teheran 25/12/2014. L’Iran ha iniziato ad utilizzare un sistema di filtraggio intelligente per limitare l’accesso a determinate pagine di Instagram.

Riporta la notizia l’agenzia di stampa Fars. Sarà vietato l’accesso ai contenuti ritenuti “offensivi” di Instagram, popolare rete di condivisione di foto, mentre sarà possibile aprire altre pagine. La Repubblica islamica ha recentemente presentato il suo primo “software di filtraggio intelligente” capace di filtrare contenuti dopo accurata e rapida rilevazione di elementi ritenuti “inappropriati” (compresi testi, immagini e video). L’avvio del progetto potrebbe aumentare le speranze sulla eliminazione del divieto di accesso a popolari social network come Twitter e Facebook. All’inizio settembre 2013 i media iraniani avevo riportato le parole di un membro del Comitato sul filtraggio internet, Mohammad Reza Aghamiri, secondo cui Facebook poteva essere sbloccato dopo lo sviluppo di un sistema di filtraggio intelligente per la separazione di contenuto illegale da quello utile sul social network. Occorre dire per dovere i cronaca che gli utenti in Iran possono accedere ai siti vietati tra cui Facebook tramite proxy. Un proxy permette di bypassare le “porte” destinate a bloccare determinati siti. Un sondaggio del ministero iraniano della Gioventù e dello Sport indica che il 69,3 per cento dei server proxy usati dalle giovani generazioni del paese vengono usati per by-passare i filtri e accedere ai siti Internet vietati. Circa quattro milioni di iraniani utilizzano Facebook, secondo il ministro della Cultura, Ali Jannati, che possiede la sua pagina fb.