IRAN. I nuovi mercati di Teheran: Venezuela e Iraq

76

Teheran ha trovato nuovi mercati per la sua produzione interna che a causa dell’embargo Usa non trova sbocchi, non solo risorse; Iraq e Venezuela. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha ordinato, infatti, l’ammodernamento di un valico di frontiera con l’Iraq e la sua trasformazione in una via commerciale, riporta Baghdad Today.

Rouhani ha invitato il ministro degli Esteri Jawad Zarif e il ministro delle Strade e dello Sviluppo urbano a lavorare alla riforma del confine commerciale di Sumar: «Sumar potrebbe essere la città di confine utile per lo scambio di merci con l’Iraq», ha detto.

Ha aggiunto che entro la fine dell’anno saranno compiuti passi positivi nelle province occidentali di Ilam, Kamarshah e Khuzestan.

Inoltre, il portavoce del governo Ali Rabiei ha detto che la Repubblica Islamica dell’Iran è pronta a fornire al Venezuela beni e merci, se richiesto: «Se il governo e il popolo del Venezuela avranno bisogno di alimenti e beni di prima necessità in futuro, l’Iran li invierà, se necessario, secondo il suo potenziale, in modo che le minacce degli Stati Uniti non abbiano alcun impatto sui nostri legami commerciali con questo Paese bolivariano», riporta Mehr.

«La Repubblica Islamica dell’Iran è determinata e seria a continuare il suo commercio con il Venezuela», ha sottolineato. Si tratterebbe di una sistematizzazione dei recenti invii di petrolio e cibo: «Le relazioni commerciali tra l’Iran e il Venezuela si basano sul diritto internazionale, sulle esigenze dei due Paesi e tenendo in considerazione tutti i termini e le condizioni bilaterali, e questi legami amichevoli continueranno in futuro», ha detto al Rabiei che ha sottolineato le severe sanzioni statunitensi imposte contro il Venezuela e ha aggiunto: «Le minacce degli Stati Uniti non avranno alcun impatto sulla nostra determinazione a fare libero scambio e a fare affari con il Venezuela».

Rabiei ha poi sottolineato le relazioni tra Russia, Cina e Iran sulla scena internazionale: «Siamo in uno dei periodi migliori dei nostri legami storici con la Federazione Russa, così che le nostre relazioni con la Russia nelle aree di cooperazione strategica ed economica stanno progredendo rapidamente» ed ha sottolineato come Iran e Russia sono riuscite a sventare il progetto degli Stati Uniti e dei loro alleati in Siria, concretizzatosi nel Caesar Act.

Maddalena Ingrao