IRAN. FATF boccia le riforme antiriciclaggio di Teheran

152

Il Financial Action Task Force, che controlla il riciclaggio di denaro sporco in tutto il mondo ha detto che l’Iran ha tempo fino a febbraio per completare le riforme che lo allineano alle norme globali o ne affronterà le conseguenze. Dopo una riunione dei suoi membri, Fatf ha dichiarato di essere delusa dal fatto che Teheran abbia agito solo su nove delle sue linee guida su dieci, nonostante gli impegni a fare il voto. In precedenza aveva fissato la scadenza di ottobre per competere con tutte e 10 le riforme.

«Ci aspettiamo che l’Iran si muova rapidamente per attuare gli impegni assunti ad alto livello tanto tempo fa», ha detto Marshall Billingslea, assistente al Tesoro americano per il finanziamento del terrorismo, dopo aver presieduto una riunione del Fatf- Gafi. «In linea con ciò, ci aspettiamo che abbia adottato tutte queste misure entro febbraio. Se entro febbraio 2019 l’Iran non l’avesse ancora fatto, allora faremo ulteriori passi avanti», ha detto Billingslea, ripreso da Reuters.

Nel frattempo, il Gafi ha detto di aver deciso di continuare a sospendere le contromisure, che possono arrivare a limitare o addirittura a vietare le transazioni con un paese. Il portavoce del Ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha detto di accogliere con favore la decisione di prorogare la scadenza a febbraio, riporta Irna.

Ha anche criticato la presidenza americana del Faft, affermando che si tratta di un tentativo di riportare l’Iran sulla lista nera internazionale del riciclaggio di denaro sporco. Il parlamento iraniano ha approvato alcune nuove misure contro il finanziamento del terrorismo all’inizio di questo mese, sotto la pressione di adottare standard internazionali. Ma il Gafi ha detto di poter prendere in considerazione solo una legislazione pienamente attuata.

I membri del Faft avevano già dato a Teheran fino a questo mese per portare le sue leggi contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo alle sue linee guida. Altrimenti, l’Iran avrebbe rischiato di essere reinserito nella lista nera di paesi non conformi che rende gli investitori stranieri e le banche riluttanti a trattare con Teheran.

Lucia Giannini