L’Iran a secco di elettricità

23

IRAN – Teheran 28/7/13. Il ministero dell’Energia iraniano ha lanciato l’allarme sulla scarsità di energia elettrica: se i cittadini non diminuiranno il consumo di elettricità, le interruzioni elettriche saranno inevitabili, riporta il quotidiano Jahanesanat che riporta l’allarme lanciato dal ministero dell’Energia iraniano.

Le riserve negli impianti iraniani, che ammontano attualmente di 500 megawatt, indicavano una disponibilità tra i 3.000 – 3.500 megawatt nelle prime tre settimane estive. Il consumo di energia elettrica iraniana ha superato circa 1 miliardo di kilowatt all’ora il 26 luglio, nuovo record nel consumo di energia elettrica in Iran, ha detto il vice ministro iraniano dell’Energia, Mohammad Behzad. Il consumo medio di energia elettrica durante i primi quattro mesi del corrente anno solare (iniziato il 21 marzo) è aumentato di circa il 4 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ha detto, aggiungendo che, durante il mese scorso (22 luglio – 22 giugno), queste cifre sono aumentate del 7,25 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Secondo il rapporto ministeriale, l’utilizzo dei dispositivi di raffreddamento e attrezzature non standardizzate è la causa principale dell’aumento del consumo di energia elettrica. Se il trend di consumo continuasse, le interruzioni dell’energia elettrica, nel corso dei prossimi giorni, saranno inevitabili. L’Iran ha sofferto di una carenza di energia elettrica solo due anni or sono e che ha costretto il paese a razionare l’utilizzo con interruzioni di corrente pianificate, due ore al giorno massimo, in tutte le aree urbane e rurali.