I droni suicida di Teheran

40

IRAN – Teheran 28/12/2014. L’Iran ha testato i droni suicidi durante una esercitazione militare, iniziata il 25 dicembre.

Lo ha annunciato il comandante della forze di terra dell’esercito iraniano, il generale di brigata Ahmad Reza Pourdastan. Il drone può essere usato per attaccare bersagli aerei e di terra, ha detto Pourdastan, riporta l’agenzia di stampa Mizan. Il generale ha descritto l’aereo come una bomba mobile, che può attaccare bersagli sospetti; l’esercitazione dei droni si è svolta nella seconda fase delle manovre militari del 26 dicembre. In precedenza, i militari iraniani avevano annunciato che la Repubblica islamica avrebbe condotto esercitazioni speciali per i droni quest’anno, in cui avrebbe testato diversi tipi di droni realizzati nel paese. L’esercitazione militare è denominata “Mohammad Rasoulallah” ed è iniziata il 25 dicembre nei pressi dello Stretto di Hormuz; durerà sei giorni e prevede l’impiego di marina, aviazione e unità di terra di stanza nella base di difesa aerea di Khatam al-Anbia.