IRAN. Discount turchi e boutique qatarine a Teheran

74

Il discount turco Bim cercherebbe opportunità di business in Iran per una possibile apertura di punti vendita nel paese.

Fornitore di prodotti alimentari di base e beni di consumo Bim, riporta Press Tv, afferma di essere in procinto di ricevere l’autorizzazione ad avviare studi di ricerca di marketing per determinare opportunità e potenziale di investimento nel mercato al dettaglio dell’Iran.

Bim, che sta per Birlesik Magazalar As, ha negozi di vendita al dettaglio in tutta la Turchia, che vendono un assortimento di circa 600 oggetti di consumo.

Al di fuori della Turchia, l’azienda ha stabilito filiali in Egitto e in Marocco, dove è impegnato nel difficile sconto settore retail. Bim ha registrato un fatturato netto di 5,51 miliardi di dollari nel 2012.

I suoi prodotti comprendono bevande, prodotti a base di carne, latticini, frutta e verdura, alimenti surgelati, prodotti da forno, prodotti per la pulizia, snack e dolci.

L’Iran, con una popolazione di oltre 80 milioni di persone è uno dei più importanti mercati emergenti, e sta richiamando l’attenzione di rivenditori e fornitori internazionali.
Nella fascia alta, Qatar Abu Issa Holding, uno dei più grandi rivenditori di beni al dettaglio e di lusso del Medio Oriente, prevede di aprire il suo primo negozio a Teheran nel secondo trimestre del 2017.

L’azienda qatarina spera di usare la zona di libero commercio di Jebel Ali di Dubai come base di distribuzione per i clienti in Iran e fornire la maggior parte dei marchi di abbigliamento di moda oltre che orologi e profumi.

La società del Qatar è un esempio delle imprese del Golfo Persico che sperano di usare l’apertura dell’Iran a loro vantaggio alla luce delel negatività registrate nei mercati interni.

Secondo Bmi Research, l’apertura del mercato iraniano potrebbe dare qualche sollievo al contesto economico meno favorevole nei paesi del Golfo Persico, che stano vivendo periodi difficili.
L’Iran ha una base allettante di vendita al dettaglio per i fornitori internazionali con la sua giovane e urbana classe media.

La clientela giovane e urbana di Teheran hanno una spesa pro capite di circa 3046 euro l’anno, un volume elevato rispetto agli standard internazionali.

Maddalena Ingrao