Azerbaijan ponte tra Occidente e Iran

79

AZERBAIJAN – Baku. 07/11/14. L’Azerbaijan può diventare un ponte tra l’Iran e l’Occidente per migliorare l’efficienza dei negoziati sul programma e sulla politica nucleare, così come in quello della politicizza Energetica, a spiegarlo un membro del Centro di Ricerca del Parlamento iraniano, Jalil Jafari. Fonte Trend.az.

Lo ha fatto commentando l’imminente visita del presidente iraniano Hassan Rouhani in Azerbaijan. Jafari ha detto che l’Azerbaigian mantiene buoni rapporti con l’Iran e l’Occidente. «Attualmente, l’Iran e gli Stati Uniti stanno discutendo di questioni nucleari» ha detto. «L’Azerbaijan può svolgere un ruolo cruciale di avvicinamento tra le posizioni delle parti, in quanto ha un grande potenziale». L’Iran e il gruppo P5 + 1 hanno deciso di accordarsi su un documento entro il 20 luglio 2014, che garantisce la natura pacifica del programma nucleare iraniano in cambio di revoca delle sanzioni internazionali del paese a Ginevra nel novembre 2013. Poi i termini di coordinamento del documento sono state rinviate per il 24 novembre. «Il Territorio dell’Azerbaijan è molto importante non solo per l’Iran, ma anche l’Occidente in termini di ingegneria energetica, la politica estera, e la geografia», ha detto. «L’Azerbaijan può servire come ponte tra l’Iran e l’Occidente in termini di ingegneria elettrica, del petrolio e di transito del gas». Il presidente Rouhani si recherà in visita l’Azerbaigian il 12 novembre Nel corso della visita, saranno firmati dieci documenti. Jafari ha detto che la priorità del presidente Rouhani è lo sviluppo delle relazioni con i paesi vicini. «Lo sviluppo economico della regione è importante per tutti» ha detto. «Così, i paesi della regione devono risolvere insieme i problemi». Jafari ha anche detto che l’Azerbaigian è un paese importante per l’Iran, in termini di ingegneria elettrica. Circa 1,2 milioni di metri cubi di gas al giorno sono stati esportati dall’Azerbaijan all’Iran nell’ambito delle operazioni di swap per fornire la Repubblica Autonoma di Nakhchivan. Nel 2010, lo scambio quotidiano era di 70.000-90.000 barili di petrolio tra Iran e altri stati del Caspio e si è arrestata da parte iraniana. A quel tempo, le fonti non ufficiali avevano detto che l’Iran aveva deciso di aumentare la tassa di scambio da 1,1 dollari a 5,5 dollari al barile. La Repubblica islamica ha scambiato totalmente 254 milioni di barili di greggio e ha ottenuto una somma di 880 milioni dollari in premi di transito tra il 1997 il 2009.