IRAN. Aumentano i casi di COVID-19. Teheran chiede di indossare la mascherina

71

L’Iran è stato uno dei Paesi più colpiti all’inizio della pandemia e, poiché le restrizioni per arginarne la diffusione sono state gradualmente eliminate a partire da metà aprile, i casi sono aumentati di nuovo, con un numero di morti che ha raggiunto per la prima volta in due mesi i 100 al giorno negli ultimi nove giorni.

Circa 2.456 nuovi casi sono stati registrati tra il 26 e il 27 giugno, per un totale di 220.180, ha dichiarato alla televisione di Stato il portavoce del Ministero della Salute Sima Sadat Lari. Ha poi detto che sono morte 125 persone, portando il totale a 10.364.

Il vice ministro della Salute Iraj Harirchi ha detto al sito web semi-ufficiale di notizie del Club dei giovani giornalisti iraniano che in una provincia, 120 persone sono state contagiate dopo aver partecipato a una festa di matrimonio. Non ha identificato la provincia. Lanciando la campagna “#Iwearmask” (io indosso la maschera), ha supplicato i cittadini, soprattutto i giovani iraniani, di prendere sul serio la malattia.

«Nel nostro Paese, ogni 33 secondi, una persona è infettata dal coronavirus, e ogni 13 minuti, una persona muore per questo (…) Prego disperatamente – e in modo amichevole – le persone di collaborare all’osservanza dei protocolli medici per il loro bene e per quello degli altri», ha detto Harirchi.

Indossare una mascherina per evitare di diffondere il virus non è obbligatorio in Iran e il consiglio è ampiamente ignorato. Harirchi ha detto in televisione che indossare maschere riduce il rischio di diffusione del virus dell’85%.

La Tv di Stato ha trasmesso delle interviste a diversi pazienti negli ospedali che hanno detto di aver contratto il virus dopo aver partecipato a feste di matrimonio, veglie e altri incontri. Il direttore della Cinema Organization of Iran Hossein Entezami ha detto che 18.000 persone sono andate nelle sale cinematografiche quando hanno riaperto il 26 giugno, creando così ulteriori timori per la diffusione del virus.

Lucia Giannini