Teheran blocca l’arricchimento

49

IRAN – Teheran 24/10/2013. L’Iran ha temporaneamente fermato la sua produzione di uranio arricchito al 20 per cento di purezza in quanto ha scorte sufficienti per alimentare il suo reattore di ricerca. 

«Non c’è nessuna produzione ulteriore (…) in questo momento non vi è alcuna necessità per l’arricchimento oltre il 20 per cento» questa dichiarazione del parlamentare conservatore Hussain Naqavi Hussaini compare sul sito del Parlamento iraniano il 24 ottobre. Arricchire l’uranio al 20 per cento di purezza sta ad indicare chde si è vicini tecnicamente alla produzione bellica. Il sito web del Parlamento, Icana.ir, riporta altre dichiarazioni di Naqavi Hussaini come per dire che il reattore di Teheran, utilizzato per la produzione di isotopi medici, è ben fornito: «Questo sito ha attualmente tutto il carburante richiesto e non vi è alcuna necessità di produrne». Naqavi Hussaini è il portavoce della Commissione esteri del Majlis, che viene regolarmente informata sulle attività nucleari dell’Iran. Spesso le dichiarazioni fatte dai membri della commissione sono poi state sconfessate dal governo e occorre ricordare che tutte le decisioni sul programma nucleare iraniano hanno come ultimo decisore la Guida suprema, l’ayatollah Ali Khamenei.