Investitori in fuga dai mercati europei

47

Troppi segnali negativi dal Vecchio Continente fanno fuggire gli investitori. In Francia, un socialista può diventare presidente per la prima volta da 17 anni e si prevede dunque una certa paralisi fino al cambio della guardia.

Il governo olandese è crollato di fronte alla prospettiva di un paino di austerità. E i rendimenti dei titoli spagnoli sono in bilico vicino il 6 per cento mentre il paese si sforza di raggiungere i suoi obiettivi di bilancio. Nel frattempo il Fondo Monetario Internazionale ha rimpinguato le casse di 430 miliardi dollari per combattere le crisi future, ma non è disponibile a combattere quella attuale. I paesi emergenti: Brasile, Russia, Cina e altre economie sono in grado economicamente di intervenire per risolvere la crisi europea del debito attraverso linee di credito garantite. Ma la Ue a fronte di questo aiuto non viole cedere il passo a questi paesi nel nuovo ordine mondiale. Gli Stati Uniti e Canada per esempio hanno rinnovato all’Europa il loro personale impegno a fare di più, ma mantengono una certa riluttanza a dare maggiore peso politico all’interno dell’FMI alle economie in rapida crescita. Un cane che si morde la coda e che danneggia soprattutto l’Europa.