Brasile. Investimenti inglesi a San Paolo

51

di Maddalena Ingroia BRASILE – Brasilia 30/11/2016. Il Regno Unito cerca sponda petrolifera nel Brasile di Temer. Mark Prisk, mei giorni scorsi, parlamentare britannico e inviato speciale per il Commercio e gli Investimenti, era in visita ufficiale in Brasile per una serie di colloqui di lavoro nei settori delle infrastrutture del petrolio e del gas, dei servizi finanziari, dell’estrazione minerari, riporta Mercopress.
Prisk aveva già visitato il Brasile a maggio per una serie di incontri con i rappresentanti del settore privato e del governo a San Paolo, Rio de Janeiro e Belo Horizonte; il suo rapido ritorno è un segno che le relazioni con il Brasile stanno andando avanti.
«Siamo il quarto più grande investitore straniero nel paese. Negli ultimi due anni, le nostre aziende hanno investito circa 615 milioni di dollari in nuove imprese in Brasile, soprattutto nel settore della tecnologia, del petrolio e gas e dell’agricoltura», ha affermato Prisk.

A Rio de Janeiro l’inviato britannico ha incontrato Joaquim Mendanha, neodirettore dell’ente regolatore delle assicurazioni private, Susep, un’autorità federale che opera sotto l’egida del ministero delle Finanze, responsabili della regolazione e della supervisione delle assicurazioni, pensioni private, di capitalizzazione e di riassicurazione dei settori. Nel corso della riunione è stato firmato un accordo per rafforzare la cooperazione reciproca nel settore assicurativo e riassicurativo.