Kidaz: crescono gli investimenti

7

EAU- Abu Dhabi. 10/06/15. Mohammed Juma Al Shamsi, CEO dei porti di Abu Dhabi ha annunciato che gli investimenti diretti nel Khalifa Industrial City «Kizad» hanno superato 47 miliardi di dirham, sottolineando che nel corso del primo trimestre dell’anno sono stati firmati nove nuovi accordi per far entrare nuovi investimenti diretti per un valore di circa 853 milioni di dirham.

L’opportunità offerta inizialmente era un investimento su 422.000 metri quadrati di terreno e il numero di investitori è cresciuto del 15%. Egli ha detto in una conferenza stampa tenutasi l’8 giugno presso la sede dei porti di Abu Dhabi che il numero di società di investimento nel settore industriale Khalifa è salito a 71 tra nazionali e internazionali, 10 aziende entro la fine del 2015 dovrebbero cominciare ad operare.
Mohammed Juma Al Shamsi, ha previsto il portafoglio di Abu Dhabi Ports e la città di Khalifa Industrial avranno un introito che porterà il PIL dell’emirato a 16,92 miliardi di dirham per il 2015 con una crescita del 20% rispetto al 2014 in cui la dimensione del portafoglio dell’Abu Dhabi Ports ha fatto raggiungere all’Emirato un PIL di circa 14,1 miliardi di dirham con una crescita del 33,02% rispetto al 2013, PIL a 10,6 miliardi di dirham. Il secondo dato positivo è che in questo modo è aumentato il tasso di contribuzione del PIL non petrolifero dell’Emirato del 2,3% nel 2013 fino al 2,9% nel corso dell’ultimo anno. Ma i progetti per il Khalifa Port sono ambiziosi: dopo aver completato la prima fase nella prima metà del 2016, arriveranno tre nuove gru per il porto di una che sarà tra le più grandi gru di movimentazione del mondo. Con questi macchinari la capacità del porto salirà a 2,5 milioni di container. Egli ha sottolineato che Khalifa Port è in grado di gestire 15 milioni di container e 35 milioni di tonnellate di merci varie all’anno. Inoltre Abu Dhabi Ports è collegato a più di 100 porti globalicon più di più di 36 linee principali di trasporto internazionale e registrano il primo trimestre di quest’anno, con un incremento del business oltre il 30% concentrato nella gestione di container, merci varie e le operazioni di massa, così come nel lavoro del terminal delle navi da crociera, notando che, oltre alla struttura delle infrastrutture di ultra-moderno e il potenziale per l’accesso ai mercati di più di una popolazione di 5,4 miliardi di persone nel giro di quattro fusi orari, uno dei vantaggi più importanti di cui gode il Port Khalifa è vicino al «Kizad» che insieme costituiscono un successo bilaterale nella fornitura di trasporto multimodale e rete di comunicazione, così come la catena di approvvigionamento logistica e servizi che consentano di raggiungere l’efficienza ottimale. Abu Dhabi Ports ha raggiunto un aumento significativo nelle diverse operazioni portuali durante il primo trimestre del 2015. Il volume ha visto il TEU a segnare 302.150 contenitori rispetto allo stesso periodo del Lo scorso anno 2014 che ha fatto registrare 224.080 TEU.
Questa crescita è attribuibile all’aumento del numero di nuove linee di trasporto scalo presso il porto Khalifa.