INTERNET. La censura social in Cina colpisce la Trade War e i vaccini

124

La guerra commerciale Usa-Cina è stato uno dei temi più censurati l’anno scorso su WeChat in Cina, secondo una ricerca WeChatscope ripresa da South China Morning Post.

Con più di 1 miliardo di utenti, WeChat non è solo l’applicazione sociale più popolare in Cina, ma è anche una fonte primaria di notizie per molti utenti cinesi di internet, soprattutto a causa dei suoi oltre 20 milioni di account pubblici.

Questo fatto ha dato vita sia ad una censura pesante da parte delle autorità, sia alla scrupolosa autocensura da parte di autori e recensori di contenuti.

WeChatscope, progetto di ricerca del Centro di studi sul giornalismo e sui media dell’Università di Hong Kong, ha tracciato più di 4.000 account pubblici che coprono le notizie quotidiane sull’applicazione per tutto il 2018 per analizzare la censura di WeChat.

Il team di ricerca ha scoperto che circa 11.000 degli 1,04 milioni di articoli recensiti come parte del WeChatscope sono stati censurati. Tra i 10 argomenti più censurati, tre erano legati alle tensioni tra Stati Uniti e Cina: la prolungata guerra commerciale, le sanzioni statunitensi contro Zte e l’arresto del direttore finanziario di Huawei, Sabrina Meng Wanzhou.

«Il gruppo di ricerca ha scoperto che l’ambito dei temi censurati sul WeChat si è esteso dalle politiche interne e dai disordini sociali a temi meno politicamente sensibili, in quello che sembra essere uno sforzo per sostenere l’immagine politica internazionale della Cina come “grande potenza”», si legge nello studio.

Nella ricerca viene detto che le relazioni sino-americane sono state tra i temi più censurati l’anno scorso. Il numero di articoli censurati contenenti la parola chiave “sino-americano” ha raggiunto il suo apice da fine ottobre a metà novembre, prima di cadere dopo l’inizio di dicembre, quando il presidente cinese Xi Jinping e il suo omologo statunitense Donald Trump hanno messo a punto un accordo per sospendere le tariffe aggiuntive per 90 giorni durante il loro incontro in Argentina.

Sul piano interno, gli argomenti più censurati sul WeChat includono il movimento #MeToo, in particolare il contraccolpo pubblico di aprile, quando Yue Xin, studente dell’Università di Pechino, ha accusato la scuola di cercare di metterla a tacere per aver chiesto informazioni sul trattamento di un caso di cattiva condotta sessuale che ha portato al suicidio di un allievo 20 anni fa.

L’Università di Pechino ha censurato per “intimidire” l’attivista di #MeToo.

Altro tema era lo scandalo dei vaccini a luglio, quando l’ente regolatore del farmaco ha detto che erano stati prodotti 252.600 vaccini non conformi agli standard somministrati a centinaia di migliaia di bambini.

Anche i messaggi sui primi bambini geneticamente modificati del mondo sono stati pesantemente censurati.

Le autorità cinesi hanno raddoppiato lo scorso anno il controllo delle piattaforme online per sradicare contenuti ritenuti destabilizzanti.

A novembre, un blocco del cyberspazio cinese ha visto la chiusura di 9.800 account social media in tre settimane su piattaforme come WeChat, Weibo, Baidu, Jinri Toutiao e altri.

Maddalena Ingroia