Anonymous contro Gerusalemme

16

ISRAELE – Gerusalemme 10/03/2014. Secondo una serie di esperti di sicurezza informatica, Israele sta per affrontare due grandi attacchi informatici organizzati, il 10 marzo e il 7 aprile all’interno del “mese dell’hacktivist.”

Riporta la notizia il sito della Sicurezza interna del paese, Ihls (Israle’s Homeland, Security Home). Gli esperti israeliani hanno continuato a monitorare i risultati nei social media. Gli hacker userebbero diverse tipologie di attacco infornartici: RAT, SQLI, defacement, DDoS e phishing. 

Secondo le stime l’attacco del 10 marzo sarebbe a basso rischio, per un basso numero di partecipanti . La campagna è iniziata il 9 febbraio con il nome OpIsrael 3.0, con l’apertura di una pagina ufficiale di Twitter (inattiva per più di due settimane) e la pubblicazione di un elenco di obiettivi: più di 1.300 siti web del governo, del sistema bancario, della sicurezza, siti accademici, organizzazioni dei media e così via. Pochi giorni dopo, è venuta fuori una pagina di Facebook.

Il 7 aprile, però , gli attacchi dovrebbero essere più pericolosi poiché dovrebbero partecipare migliaia di utenti; tra di essi 400 utenti iscritti alla pagina di Facebook, aperta dal gruppo hacker AnonGhost, un gruppo hacker iraniano chiamato Parastoo.