Influenza: 15 alimenti alleati per combatterla

299

di Graziella Giangiulio  – ITALIA – Roma 04/12/2016. Inverno arrivato: raffreddore, influenza stagionale presa! Oltre a curarsi seguendo quanto il medico vi dice, sappiate che ci sono almeno 15 alleati alimentari che possono darvi una mano a stare meglio. Primo e secondo: brodo di pollo e “zuppe calde” per guarire in fretta dal raffreddore. Perché? È ricco di vitamine, minerali, calorie e proteine, che sono sostanze nutritive di cui il corpo ha bisogno mentre si è raffreddati e in gran quantità. Inoltre è facile da mangiare. Il brodo di pollo è anche un’ottima fonte di fluidi ed elettroliti, che sono entrambi necessari per l’idratazione, se per esempio se si deve andare spesso in bagno.  Il tutto va moltiplicato all’ennesima potenza se avete anche la febbre alta, in questo caso il corpo ha bisogno ancora di più di fluidi. Sostanzialmente, asseriscono alcuni studi fatti negli USA, il brodo di pollo è un decongestionante naturale e ancora il brodo di pollo contiene cisteina. N-acetil-cisteina, una forma di cisteina, che rompe il muco e ha effetti anti-infiammatori e antiossidanti anti-virali. La zuppa inibisce l’azione dei neutrofili, che sono globuli bianchi che possono causare sintomi come tosse e naso chiuso. La capacità del brodo di pollo di inibire queste cellule potrebbe in parte spiegare perché è così efficace contro alcuni sintomi del raffreddore e dell’influenza. In generale le zuppe sono comunque ottime forme di idratazione quando si è malati perché possono contenere le calorie, vitamine e minerali come magnesio, calcio, acido folico e fosforo. Particolarmente indicati se lo stomaco è instabile e non si riesce a deglutire cibi solidi. Fate solo attenzione a non usare troppo sale.

Terzo rimedio: l’aglio. Utilizzato da secoli ha dimostrato effetti antibatterici, antivirali e anti-fungini. Stimola il sistema immunitario. Alcuni studi di ricercatori statunitensi hanno verificato che chi consuma abitudinariamente aglio si ammala meno di chi non lo usa. Nel complesso la ricerca ha verificato che il gruppo che assume regolarmente aglio si è ammalato il il 70% in meno rispetto al gruppo placebo. E ancora chi consuma aglio regolarmente non solo si è ammalato meno spesso, ma guarisce in minor tempo: 3,5 giorni più veloce rispetto al gruppo placebo, in media. L’estratto di aglio poi aumenta la funzione immunitaria e diminuisce drasticamente gli effetti indesiderati dell’influenza e del raffreddore.

Quarto alimento per combattere i sintomi dell’influenza è il latte di cocco. L’acqua di cocco è la bevanda ideale da sorseggiare quando sei malato. Oltre ad essere dolce e saporito, contiene glucosio e gli elettroliti necessari per la reidratazione. Gli studi dimostrano che l’acqua di cocco aiuta a reidratare dopo l’esercizio fisico e in casi lievi di diarrea. Essa provoca anche meno disagio stomaco rispetto bevande analoghe. Per ora sperimentato solo su animali, il latte di cocco contiene antiossidanti che possono combattere il danno ossidativo e può anche migliorare il controllo di zucchero nel sangue. Rispetto ad altre bevande può dare gonfiori quindi si consuma cominciando a berne piccole dosi per poi aumentarne la quantità.

Quinto amico alimentare di chi è malato il tè. Possibilmente nero. Come la zuppa di pollo, il tè caldo è un decongestionante naturale, aiuta a liberarsi dal muco. Si noti che il tè deve essere caldo per agire come decongestionante, ma non dovrebbe essere così caldo da irritare ulteriormente la gola. Sorseggiando il tè per tutto il giorno è un ottimo modo per aiutarti a rimanere idratati, mentre alleviare la congestione, allo stesso tempo. Il tè contiene anche polifenoli, che sono sostanze naturali presenti nelle piante che possono avere un gran numero di benefici per la salute. Queste vanno da azione antiossidante e anti-infiammatori effetti anti-tumorali.
I tannini sono un tipo di polifenoli che si trovano nel tè. Oltre ad agire come antiossidanti, tannini sono anche antivirali, antibatteriche e anti-fungine. Uno studio sui ratti ha trovato che l’acido tannico nel tè nero diminuisce la quantità di un tipo comune di batteri che cresce nella gola. In un altro studio, tè di ibisco ha ridotto la crescita di influenza aviaria in una provetta. Il tè Echinacea che accorcia la durata dei sintomi del raffreddore e dell’influenza. Chi ha problemi con teina e caffeina, deve sapere che il tè ne contiene piccolissime quantità ma è bene consultare il medico prima di berne grandi quantità.

Sesto posto per il miele. Ha potenti effetti antibatterici, probabilmente a causa del suo elevato contenuto di composti antimicrobici.
E proprio per questi effetti antibatterici è stato utilizzato dagli antichi Egizi, ed è ancora usato per questo scopo oggi. Alcune evidenze suggeriscono che il miele può anche stimolare il sistema immunitario. Il miele, dunque, è un ottimo cibo da mangiare quando si è malati, soprattutto se ha un forte mal di gola causato da un’infezione batterica. Molti studi dimostrano che il miele fa sparire la tosse nei bambini. Tuttavia, si ricorda che il miele non deve essere somministrato a bambini sotto i 12 mesi di età. Si può mischiare mezzo cucchiaino (2,5 ml) di miele con un bicchiere di latte caldo, acqua o una tazza di tè. Questo è un idratante, un lenitivo per la tosse, ed è una bevanda antibatterica.

Settimo posto se lo aggiudica lo zenzero. Efficace contro le nausee se consumato fresco. È stato anche dimostrato efficace per alleviare la nausea collegate alla gravidanza e nel trattamento del cancro. Lo zenzero agisce in maniere simile ai farmaci anti-infiammatori non steroidei. È un antiossidante, ha effetti antimicrobici e anti-cancro. Quindi, se avete nausee o vi viene da vomitare, lo zenzero è il miglior cibo a disposizione per alleviare questi sintomi. Utilizzare lo zenzero fresco in cucina, preparare una tazza di tè allo zenzero.

Ottavo posto per i cibi piccanti. Come per esempio il peperoncino che contiene capsaicina, che provoca il caldo, una sensazione di bruciore quando viene toccato.
Quando la concentrazione è abbastanza elevata la capsaicina può avere un effetto desensibilizzante ed è spesso usato in gel e patch antidolorifici. Spesso infatti, mangiando cibi piccanti cola il naso, perché libera i seni nasali. Su questo gli studi sono in contraddizione, mentre è certo che la capsaicina renda più facile espellere il muco. Spray nasali alla capsaicina sono stati utilizzati con buoni risultati per decongestionare e togliere il prurito dal naso. L’assunzione di capsule capsaicina migliorato i sintomi in persone con una tosse cronica rendendoli meno sensibili alle irritazioni. Chi soffre di tosse cronica, secondo uno studio, dovrebbe mangiare cibo piccante tutti i giorni per diverse settimane. Attenzione però che potrebbe causare gonfiori.

Nono posto per le banane. Sono facili da masticare e hanno una quantità discreta di calorie e sostanze nutritive. Per queste ragioni, fanno parte della dieta BRAT (banane, riso, succo di mela, pane tostato) che è spesso raccomandata per chi soffre di nausea. Un altro grande vantaggio di banane è la fibra solubile che contengono. Se si dispone di diarrea, le banane sono uno dei migliori alimenti che può mangiare perché la fibra può contribuire ad alleviare la diarrea.

Decimo posto per la farina di Avena. Come le banane, la farina d’avena è  facile da mangiare, contiene calorie, vitamine e minerali necessari in caso di malattia. Contiene anche alcune proteine. Bisognerebbe consumarne 5 grammi al giorno. La farina d’avena ha alcuni benefici per la salute, tra cui potenti stimolare il sistema immunitario e migliorare il controllo di zucchero nel sangue. Uno studio sui ratti ha anche dimostrato che il beta-glucano, un tipo di fibra presente in avena, ha contribuito a diminuire l’infiammazione nell’intestino. Questo potrebbe contribuire ad alleviare i sintomi come crampi intestinali, gonfiore e diarrea.

Undicesimo posto se lo è meritato lo yogurt. Esso fornisce 150 calorie e 8 grammi di proteine per ogni tazza. Consumato freddo può lenire il mal di gola. Lo yogurt è anche ricco di calcio e pieno di altre vitamine e minerali. Alcuni yogurt contengono anche probiotici benefici. Alcuni test dimostrano che i probiotici possono aiutare sia i bambini e gli adulti a prendere meno il raffreddore. E a guarire più velocemente quando si è malati.
Uno studio ha dimostrato che i bambini che assumono probiotici miglioravano con una media di due giorni più veloci, e i loro sintomi erano del 55% meno gravi rispetto agli altri.

Il dodicesimo posto va ai frutti di bosco. Sono fonti ricche di vitamine, minerali e fibre, che sostengono il corpo e il sistema immunitario. Alcuni frutti contengono anche composti benefici chiamati antociani, che sono dei tipi di flavonoidi che danno ai frutti loro colore rosso, blu e viola. Alcune delle migliori fonti sono fragole, mirtilli, mirtilli e more. Gli antociani hanno effetti anti-infiammatori, antivirali e sono forti immunostimolanti. Gli estratti di frutta ad alto contenuto di antociani in grado di inibire i virus e batteri comuni di attaccarsi alle cellule. I melograni hanno forti effetti antibatterici e antivirali che inibiscono i batteri e virus di origine alimentare, tra cui E. coli e salmonella. E ancora i supplementi di flavonoidi possono ridurre il numero di giorni di malattia: -40%.

Tredicesimo posto per l’avocado: un frutto insolito perché è a basso contenuto di carboidrati ma ricco di grassi. È ricco di grassi monoinsaturi sani, lo stesso tipo di grasso trovato in olio di oliva. Gli avocado sono anche una buona fonte di fibre, vitamine e minerali.
Sono un ottimo cibo quando malati perché forniscono calorie, vitamine e minerali di cui il corpo malato ha bisogno. Grazie ai grassi sani l’avocado contiene acido oleico che contribuisce a diminuire l’infiammazione e gioca un ruolo nella funzione immunitaria.

Quattordicesimo posto va alle verdure a foglia verde. In generale le verdure a foglia verde come spinaci, lattuga romana e cavolo sono ricche di vitamine, minerali e fibre. Essi sono particolarmente buone fonti di vitamina A, vitamina C, vitamina K e folati. Le verdure di colore verde scuro sono  ottimi antiossidanti e proteggono le cellule dai danni e aiutano a combattere l’infiammazione. Sono ottimi antibatterici. Aggiungere gli spinaci a una frittata per un pasto veloce, nutriente ricco, ricco di proteine. Si può anche provare lanciare una manciata di cavolo in un frullato di frutta.

Quindicesimo posto se lo aggiudica il salmone grigliato. Il salmone è una delle migliori fonti di proteine da mangiare quando si è malati. Il salmone è particolarmente ricco di acidi grassi omega-3, che hanno effetti anti-infiammatori forti. Il salmone è anche una buona fonte di molte vitamine e minerali, tra cui la vitamina D, di cui molte persone sono carenti in. La vitamina D svolge un ruolo importante nella funzione immunitaria.