INDONESIA. Widodo fa entrare il suo antagonista nel governo

36

Il presidente indonesiano Joko Widodo il 23 ottobre ha nominato Prabowo Subianto, leader dell’opposizione e unico sfidante di Widodo nelle elezioni di aprile, come ministro della Difesa; una  mossa che ha suscitato delusione tra i difensori dei diritti umani.

Widodo ha presentato i 34 uomini e donne che hanno costituito il suo secondo mandato di gabinetto sui gradini del palazzo presidenziale di Jakarta.

Il presidente 58enne si è assicurato un secondo mandato alle elezioni di aprile, dopo un’aspra campagna elettorale afflitta da notizie false online e da dichiarazioni di Subianto secondo il quale  il governo aveva organizzato elezioni fraudolente. Almeno nove persone sono state uccise nei disordini seguiti al test elettorale e c’è stata più violenza il mese scorso quando gli studenti sono scesi in strada a migliaia per opporsi a nuove leggi che minerebbero la lotta alla corruzione e i diritti fondamentali.

Annunciando il nuovo ruolo di Subianto, Widodo ha detto: «Credo di non dovergli parlare del suo lavoro – lui ne sa più di me», riporta Al Jazeera.

Dopo aver prestato giuramento, Subianto ha detto che si sarebbe diretto immediatamente al suo ministero: «Mi informo sullo stato delle cose e poi inizieremo a lavorare», ha detto ai giornalisti. Dall’elezione, i due sono apparsi insieme in una serie di incontri pubblici apparentemente amichevoli.

Subianto, 68 anni, è stato descritto da Widodo come un “buon amico” nei messaggi dei social media. Includere Subianto, che per due volte non è riuscito a vincere la presidenza, potrebbe rendere più facile per il governo del presidente rieletto durante per tutta la legislatura, poiché l’inclusione del partito di Subianto, Gerindra, ha alzato il sostegno governativo in parlamento portandolo al 74%.

Ma l’ex genero del defunto dittatore indonesiano Suharto è stato accusato di abusi, tra cui il rapimento e la scomparsa di diversi attivisti, che hanno portato a massicce manifestazioni di piazza e che hanno fatto crollare il regime nel 1998. Non è mai stato accusato in relazione alle accuse.

Tommaso dal Passo