INDONESIA. Rallenta la crescita del PIL

26

L’espansione del prodotto interno lordo, Pil, dell’Indonesia è rallentata al 5,05 per cento nel secondo trimestre di quest’anno, dal 5,27 per cento dello stesso periodo dello scorso anno, in parte a causa del calo delle esportazioni. Lo ha annunciato il 5 agosto, il Bps, l’ente statistico dell’Indonesia, ripreso da The Jakarta Post

La spesa dei consumatori, che rappresenta più della metà del Pil, è cresciuta del 5,17% nel secondo trimestre di quest’anno, leggermente superiore alla crescita del 5,16% registrata nello stesso periodo dello scorso anno grazie a fattori stagionali come le vacanze di Eid al Fitr e l’erogazione di bonus annuali ai dipendenti pubblici.

Quasi tutte le componenti della spesa al consumo hanno registrato una crescita più elevata nel periodo aprile-giugno, ad eccezione del settore dei trasporti e delle comunicazioni, che ha rallentato al 4,67% nel secondo trimestre del 2019 dal 5,37% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Anche gli investimenti, il secondo maggior contributore del Pil, sono rallentati al 5,01 per cento nel secondo trimestre, in calo rispetto al 5,85 per cento dello stesso periodo dello scorso anno.

Il rallentamento della crescita degli investimenti è stato causato, tra l’altro, da una contrazione delle vendite di beni strumentali come veicoli, risorse biologiche coltivate e prodotti di proprietà intellettuale.

«L’aumento del numero di dipendenti pubblici e la crescita della spesa pubblica per gli appalti pubblici ha stimolato la crescita della spesa pubblica, registrata all’8,23 per cento rispetto allo stesso trimestre di quest’anno – superiore alla crescita del 5,2 per cento registrata nello stesso periodo dello scorso anno», ha detto il presidente dell’ente statistico Suhariyanto, ripreso dal giornale indonesiano. 

Lo svolgimento simultaneo delle elezioni presidenziali e legislative il 17 aprile ha anche dato impulso alle istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie, Npish, che sono cresciute del 15,27 per cento nel secondo trimestre, come risultato delle spese per la campagna elettorale dei candidati presidenziali e legislativi. Il Npish, tuttavia, ha contribuito solo per l’1,34% del Pil. Le esportazioni di beni e servizi sono diminuite dell’1,81% su base annua nel secondo trimestre, trainate dalle esportazioni di prodotti petroliferi e di gas che nello stesso periodo hanno subito una contrazione del 30,85%.

Maddalena Ingrao