INDONESIA. Instagram blocca l’hate speech sul social  

67

Con il lancio di una nuova funzionalità, Instagram ora filtra e censura i commenti in lingua indonesiana. Secondo quanto riporta il sito indonesiano tempo.co, Instagram implementerà la nuova funzione attraverso la tecnologia di apprendimento automatico. La funzione filtrerà i commenti sui messaggi che includono discorsi di odio verso gruppi etnici e religiosi, ad esempio. 

Queste funzionalità è uno degli sforzi fatti da Instagram per mantenere il social media un luogo sicuro e positivo per esprimere e condividere gli interessi degli utenti in Indonesia. Sulla base di quanto apparso sul media indonesiano, la funzione è operativa da martedì 11 dicembre 2018. La tecnologia filtrerà automaticamente commenti scomodi come quelli tipici del bullismo, le espressioni di odio, le molestie sessuali e lo spam. Le linee guida della community di Instagram vietano la presenza di contenuti illeciti su Instagram, e i filtri bloccano anche il comportamento che può far sentire le persone a disagio, un comportamento cioè aggressivo nei confronti degli altri utenti.

Con la nuova tecnologia, questi commenti verranno automaticamente filtrati e nascosti, in modo che le persone non possano vedere o essere consapevoli dei commenti. La prima categoria filtrata da questa funzione è costituita da commenti che riguardano abusi o bullismo. Oltre ai commenti, la nuova funzione notificherà anche a Instagram quando gli account pubblicano frequentemente contenuti offensivi.

Il filtraggio dei commenti su Instagram è stato introdotto per la prima volta nell’ottobre 2016, e i commenti in inglese sono stati i primi ad essere filtrati. La funzione è stata presto estesa a otto lingue aggiuntive, tra cui mandarino, giapponese, spagnolo e francese nel giugno 2017.

Instagram ha detto che intende continuare ad espandere il filtraggio dei commenti in altre lingue per combattere il cyber-bullismo e le molestie. Oltre a Instagram, anche Facebook ha ingaggiato la sua lotta al bullismo informatico. Secondo Global News, Facebook sta lavorando per utilizzare l’intelligenza artificiale per individuare e filtrare i contenuti dannosi.

Luigi Medici