Indonesia: no all’apertura di una rappresentanza in Armenia

34

ARMENIA – Yerevan. 30/12/13. La Camera dei rappresentanti dell’Indonesia non aprirà una rappresentanza diplomatica in Armenia fino a quando non sarà risolto il conflitto del Nagorno-Karabakh. La notizia è stata pubblicata da Trend che cita come fonte l’ambasciatore azero in Indonesia Tamerlan Garayev. La notizia è stata data dopo la riunione dell’ambasciatore azero con il presidente della Camera Marzuki Ali.

 

Secondo il rapporto, Ali ha detto che il Parlamento indonesiano ha incoraggiato il governo a rinviare l’apertura della missione diplomatica in Armenia.

Il governo dell’Azerbaigian a seguito delle dichiarazioni per voce dell’ambasciatore Tamerlan Garayev ha ringraziato il suo interlocutore per il fatto che egli, nel suo discorso di chiusura alla Camera dei Rappresentanti ha espresso la posizione ufficiale dell’Indonesia sul conflitto del Nagorno-Karabakh e Khojaly genocidio.

Il diplomatico ha sottolineato che la posizione dell’Indonesia nel conflitto armeno-azero del Nagorno-Karabakh può diventare un esempio per altri paesi musulmani e ha espresso la speranza che l’Indonesia avrà un ruolo importante sulla scena internazionale nella pacifica liberazione dei territori occupati dell’Azerbaigian.

A sua volta, il presidente della Camera dei Rappresentanti ha detto che l’Indonesia sosterrà sempre l’integrità e la sovranità territoriale dell’Azerbaigian, la soluzione pacifica del conflitto del Nagorno-Karabakh, sulla base di quattro risoluzioni adottate dalle Nazioni Unite. Inoltre, egli ha osservato che l’Indonesia condanna il genocidio Khojaly.

Il conflitto tra i due paesi del Caucaso meridionale ha avuto inizio nel 1988, quando l’Armenia ha fatto rivendicazioni territoriali nei confronti Azerbaijan. Regione del Nagorno-Karabakh e sette distretti circostanti – il 20 per cento del territorio azero – sono sotto l’occupazione delle forze armate armene.

Nel maggio 1994, le parti hanno raggiunto un cessate il fuoco, e ancora sotto l’egida del Gruppo di Minsk dell’OSCE e presieduto da Russia, Francia e Stati Uniti sono attualmente in possesso di negoziati di pace. Quattro le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla liberazione del Nagorno-Karabakh e le regioni circostanti non sono ancora state effettuate da Armenia.