INDIA. Oltre un miliardo di dollari di perdite per il Kashmir

42

Le perdite economiche in Kashmir hanno superato il miliardo di dollari da quando l’India ha revocato la sua autonomia e il suo status di regione a statuto speciale lo scorso agosto; lo ha denunciato il principale ente commerciale della regione himalayana, la Camera di Commercio e Industria del Kashmir (Kcci), aggiungendo che prevedeva di citare in giudizio il governo per danni.

L’India ha trasformato lo Jammu e Kashmir in un territorio controllato a livello federale, rafforzando il controllo con una decisione che secondo le autorità indiane avrebbe frenato lo sviluppo della militanza islamica nella regione, rivendicata anche dal vicino Pakistan, e contemporaneamente promosso il suo sviluppo, riporta Reuters.

Kcci ha detto che lo sviluppo è stato elusivo, grazie ad una lunga chiusura dopo che la gente ha chiuso i mercati e le imprese come segno di protesta, e per paura di rappresaglie da parte dei ribelli. Ha valutato le perdite economiche in almeno 100 miliardi di rupie fino a settembre, limite oggi superato. 

«Chiederemo alla corte di nominare un’agenzia esterna per valutare le perdite, perché è al di là delle nostre competenze» ha detto Nasir Khan, vice presidente Kcci, aggiungendo che il blackout delle telecomunicazioni nella regione significava che la Camera di Commercio non poteva raggiungere gli imprenditori per telefono per preparare delle stime aggiornate. Starebbero lavorando attraverso, invece, attraverso una raccolta dati manuale.

Oltre a tagliare i collegamenti di telecomunicazione, l’India ha imposto dei limiti ai viaggi e ha inviato migliaia di truppe nella regione militarizzandola pesantemente, citando preoccupazioni per la sicurezza. Da allora alcuni cordoli sono stati alleggeriti, ma l’accesso a Internet rimane in gran parte bloccato.

L’India e il Pakistan si sono scontrati sul Kashmir dall’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1947, ognuno dei quali rivendica la regione nella sua interezza, ma la governa solo in parte. Per decenni, l’India ha combattuto l’insurrezione nella parte che controlla. Incolpa il Pakistan di aver alimentato il conflitto, ma il Pakistan lo nega, affermando di dare sostegno morale solo ai separatisti non violenti.

La repressione ha colpito il turismo, l’agricoltura, l’orticoltura e le arti e i mestieri che contribuiscono maggiormente alla sua economia orientata all’esportazione. L’India ha annullato un summit degli investitori che aveva pianificato in Kashmir ad ottobre, e la maggior parte dei turisti sono andati via dopo un’ondata di attacchi contro i non locali nelle ultime settimane, di cui la polizia incolpa i militanti sostenuti dal Pakistan.

Luigi Medici