INDIA. Nuova Delhi vuole deviare le acque dell’Indo

141

Il fiume Indo ha creato ancora una volta una crisi tra India e Pakistan dopo che Nuova Delhi ha dichiarato che avrebbe bloccato la quota inutilizzata della sua acqua  impedendogli di andare in Pakistan. Se per Nuova Delhi si tratta di promesse da campagne elettorale, il Pakistan, nel frattempo, ha risposto con segnali contrastanti.

Il ministro delle risorse idriche indiano Nitin Gadkari il 21 febbraio ha twittato e successivamente annunciato: «Sotto la guida di Hon’ble PM Sri @narendramodi ji, il nostro governo ha deciso di fermare la nostra quota di acqua che scorreva verso il Pakistan. Dirotteremo l’acqua dai fiumi orientali e la forniremo alla nostra gente in Jammu e Kashmir e Punjab», riporta Asia Times. Il trattato sull’acqua dell’Indo del 1960, Iwt, tra India e Pakistan disciplina l’accordo di condivisione dell’acqua per i sei fiumi del bacino. Il Pakistan riceve l’intero flusso dai tre fiumi occidentali, Chenab, Jhelum e Indo, mentre l’India ha diritti completi sui fiumi Sutlej, Beas e Ravi. L’ultimo annuncio di Gadkari arriva sulla scia di un attacco terroristico al convoglio della Central Reserve Police Force a Pulwama nel travagliato stato di Jammu e Kashmir che ha causato 46 morti e numerosi feriti.

Questa situazione ha ricordato un simile annuncio del primo Ministro indiano Narendra Modi nel settembre 2016, poco dopo un attacco terroristico a Uri in Jammu e Kashmir, quando ha detto: «Sangue e acqua non possono scorrere insieme». Nel dicembre 2018, l’India ha iniziato la costruzione di una diga a Shahpur-Kandi sul fiume Ravi. Ha anche annunciato che il progetto Ujh in Jammu e Kashmir immagazzinerà la sua quota di acqua per l’uso in Jammu e Kashmir con l’equilibrio dell’acqua che scorre da un Ravi-Beas Link per fornire acqua ad altri stati del bacino.

Della fornitura totale di 207,2 miliardi di metri cubi, la quota indiana dell’acqua dei tre fiumi assegnati è di 40,7 miliardi di metri cubi, pari a circa il 20%. L’India utilizzerebbe circa il 94% di questa quota, come definito dal trattato sulle acque dell’Indo, mentre l’acqua rimanente rimane attualmente inutilizzata e va al Pakistan.

Da parte sua, il Pakistan ha inviato segnali contrastanti dopo l’annuncio dell’India. I dati delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dell’inizio di febbraio hanno mostrato come la siccità costante stava avendo gravi implicazioni per la salute pubblica nelle province del Sindh e del Balochistan. Dal 2013, il Pakistan ha ricevuto una quantità di precipitazioni inferiore alla media e, nel 2018, meno del 10% delle precipitazioni annue previste per le due province. 

Quest’anno il paese è destinato ad assistere all’ennesima siccità. L’Indo è la linea di vita del Pakistan e irriga l’80% della sua terra, nutrendo più del 50% della sua popolazione. Anche quando il Pakistan riceve le acque da tutti e tre i fiumi occidentali secondo i termini del Trattato sull’acqua dell’Indo, continua a lamentarsi del fatto che l’India trattiene le acque. Come riporta Dawn, il segretario pakistano delle Risorse idriche Khawaja Shumail ha detto: «Non abbiamo né preoccupazione né obiezione se l’India devia l’acqua dei fiumi orientali e la fornisce alla sua gente o la usa per altri scopi, poiché l’Iwt glielo permette».

Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri pakistano Shah Mehmood Qureshi si è precipitato a inviare una lettera al presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per richiamare la sua attenzione su quella che ha definito una «situazione di sicurezza in via di deterioramento» nella regione dicendo che «i membri del governo indiano stanno minacciando di usare l’acqua come arma».

Lucia Giannini