INDIA. Modi vince in Uttar Pradesh. Via libera alla sua ricandidatura

30

Avvertendo che il suo partito non sfondava nello stato politicamente più pregiato dell’India, il primo ministro Narendra Modi ha cancellato la sua agenda ed è sceso in campo.

Secondo quanto riporta Channel News Asia, «La nostra campagna elettorale ha centrato un blocco» ha detto Modi ai manager della campagna e a due ministri federali a Delhi il mese scorso, una settimana prima della sesta fase di sette del voto nello stato settentrionale dell’Uttar Pradesh.

Per tre giorni interi il leader della più grande democrazia del mondo si è accampato nella città santa di Varanasi, suo collegio elettorale parlamentare, camminando per le strade e fermandosi nei templi indù a cercare benedizioni, nonostante gli avvertimenti per la sua sicurezza e il rischio per la sua reputazione.

E l’11 marzo la scommessa di Modi è stata vinta: il Bharatiya Janata Party di Modi, Bjp, ha registrato una vittoria schiacciante in Uttar Pradesh, ottenendo la più grande di maggioranza nello stato per qualsiasi partito dal 1977.

Il trionfo rivendica la decisione di Modi di trasformare la campagna in un referendum sulla propria prestazione dopo la sua decisione shock lo scorso novembre di abolire le banconote di taglio elevato, una mossa presentata come una lotta per i poveri contro i ricchi corrotti.

Il Bjp ha vinto 312 dei 403 seggi dell’Assemblea dello Stato e, con il 39,7 per cento dei voti, quasi quanto la sua prestazione in Uttar Pradesh nelle elezioni generali 2014, quando ha avuto la più grande maggioranza parlamentare in tre decenni.

La vittoria gli dà una mano libera per consolidare la sua presa su uno Stato che invia il maggior numero di legislatori federali al Parlamento per la sua ricandidatura nel 2019.

Il Bjp si impegnerà in nuove riforme per rilanciare la crescita della terza economia più grande in Asia, e cercare di affrontare la corruzione e la burocrazia che da tempo hanno minato il potenziale dell’India.

Anna Lotti