INDIA. L’economia sta rallentando

37

Con l’India nel bel mezzo di una scoppiettante campagna elettorale che sta svolgendosi attraverso  un preciso programma elettorale delineato in sette fasi, il ministero delle Finanze ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che l’economia ha rallentato marginalmente nell’ultimo anno fiscale 2018-19. Il rapporto, pubblicato dal Dipartimento degli Affari Economici, ha citato il calo della crescita dei consumi privati, il debole aumento degli investimenti fissi e le esportazioni contenute come motivi del rallentamento, riporta Asia Times.

Il governo ha abbassato le sue stime di crescita economica per il primo e il secondo trimestre dell’anno fiscale 2019 all’8% e al 7%, rispettivamente, rispetto alle precedenti stime dell’8,2% e del 7,1%. La relazione ha ammesso che il settore agricolo sta affrontando un rallentamento e sarà effettivamente molto complesso invertire la tendenza. Il Ministero ha inoltre affermato che sostenere la crescita industriale sarà una sfida.

Anche il graduale aumento dell’inflazione al dettaglio è motivo di preoccupazione, così come l’apprezzamento del tasso di cambio, che potrebbe rappresentare una sfida per le esportazioni, ha aggiunto la relazione ministeriale.

Tuttavia, sul lato positivo, la relazione ha osservato che il disavanzo delle partite correnti in rapporto al prodotto interno lordo è probabilmente diminuito nel trimestre gennaio-marzo dell’esercizio finanziario 2019, il che limiterebbe la perdita di impulso alla crescita da parte dell’economia, mentre il deficit fiscale è sceso anche al previsto 3%.

Inoltre, un aumento delle riserve di valuta estera nel quarto trimestre dell’anno fiscale 2019 a causa di un miglioramento della bilancia commerciale ha aumentato la copertura delle importazioni per l’economia, fa notare la relazione. Durante il terzo trimestre dell’anno fiscale 2019, il Pil del paese è cresciuto a un minimo di sei quarti del 6,6%, a causa della moderata espansione dell’agricoltura, dell’industria manifatturiera e della spesa pubblica. Tuttavia, l’attività di investimento ha continuato a crescere ad un ritmo sostenuto.

Maddalena Ingrao