INDIA. La Banca centrale vuole maggiori controlli sulle finanziarie 

23

La banca centrale indiana ha chiesto un maggiore controllo del settore bancario ombra e ha avvertito che il fallimento di un importante prestatore non bancario potrebbe avere lo stesso impatto sui mercati di una grande banca. Nella sua relazione biennale sulla stabilità finanziaria, la Reserve Bank of India ha dichiarato che, mentre le banche stanno mostrando un miglioramento nella gestione dei crediti inesigibili, lo stress di liquidità nel settore bancario ombra è una preoccupazione, riporta Asia Times.

Il rapporto, tuttavia, ha osservato che il pagamento degli interessi di mora da parte di Infrastructure Leasing & Financial Services Ltd, Il&Fs, e delle entità del gruppo, e il conseguente stress che hanno creato, ha contribuito a portare una maggiore disciplina di mercato tra i banchieri ombra. A seguito della crisi dell’Il&Fs nel settembre dello scorso anno, la fonte di finanziamento per i creditori non bancari si è improvvisamente prosciugata e ha innescato una crisi di liquidità. Le banche e i fondi comuni di investimento, i principali finanziatori delle società finanziarie non bancarie e delle società di finanziamento immobiliare, hanno ridotto la loro esposizione verso queste società. Ciò ha creato una crisi di liquidità e ha costretto i prestatori ombra a vendere attività e a ridurre i nuovi prestiti.

I problemi a Il&Fs sono venuti alla luce a settembre 2018, dopo che diverse società del gruppo sono risultate inadempienti nei rimborsi a causa di gravi problemi di liquidità. Successivamente, il governo ha nominato un nuovo consiglio di amministrazione, guidato dal banchiere Uday Kotak, che sta ora cercando di rilanciare il gruppo in difficoltà. Il gruppo Il&Fs ha un onere del debito accumulato di oltre 900 miliardi di rupie, quasi 13 miliardi di dollari.

Il 4 giugno, Dewan Housing Finance Ltd ha ritardato i pagamenti del tasso di interesse, che ha colpito il valore patrimoniale netto dei fondi di debito. Molti fondi comuni di investimento avevano prestato alla società sotto forma di titoli di debito. Dewan Housing Finance Ltd avrebbe mancato il pagamento degli interessi di 9,6 miliardi di rupie, pari a 139 milioni di dollari. Le norme di valutazione richiedono una svalutazione delle attività nei casi in cui si verificano simili ritardi nei pagamenti.

A gennaio Dewan si è trovata di fronte all’accusa di aver prestato denaro a “società di comodo”, presumibilmente legate a promotori del Dhfl, che successivamente è stato utilizzato per acquistare beni all’estero. A seguito di questa accusa, il gruppo è stato colpito da una serie di declassamenti da parte delle agenzie di rating e il 21 maggio la società ha smesso di accettare e rinnovare i depositi fissi. Per facilitare la liquidità, Dhfl e la sua holding Wadhawan Global Capital hanno venduto partecipazioni in molte delle loro controllate.

La banca centrale ha notato che la dimensione del bilancio consolidato del settore non bancario-finanziario-aziendale è cresciuta del 20,6% arrivando a 28,8 trilioni di rupie, 417 miliardi di dollari, nel 2018-19, dai 24,5 trilioni di rupie – 354 miliardi di dollari – nel corso del 2017-18. L’incidenza delle sofferenze lorde del settore sul totale dei crediti è aumentata dal 5,8% nel 2017-18 al 6,6% nel 2018-19.

Maddalena Ingroia