INDIA. Investire nel biodiesel 

32

In India l’azienda di stato Indian Oil, insieme alla Bharat Petroleum e Hindustan Petroleum hanno avviato un programma per l’approvvigionamento di biodiesel fatto da olio da cucina usato in 100 città in tutto il paese. Il programma è stato formalmente lanciato da Ministro del petrolio e del gas naturale Dharmendra Pradhan, sotto la quale le tre colossi del settore commercializzazione e petrolio invitano a manifestare il proprio interesse da enti privati per la realizzazione di impianti a produrre biodiesel da olio da cucina usato. Inizialmente, il biodiesel verrebbe acquistato dai MCA ad un tasso garantito di Rs 51 per litro per il primo anno, che salirebbe a Rs 52,7 nel secondo anno e a Rs 54,5 per litro nel terzo anno.

La rivoluzione non sta solo nel fatto che si ricicla l’olio ma anche nel fatto che in questo modo si inquina meno. Il ministro ha anche lanciato Repurpose usato olio da cucina (RUCO), un’applicazione per cellulari con tanto di adesivi per la raccolta dell’olio da cucina usato (UCO). L’adesivo sarebbe apposto dagli esercizi alimentari, alberghi e ristoranti nei loro locali che così possono dimostrare di partecipare al progetto per la produzione di biodiesel. 

Il ministro in una dichiarazione ha affermato: «Il biodiesel è disponibile in molte altre forme diverse dall’olio da cucina usato. È uno spreco di ricchezza. Festeggeremo la “Giornata mondiale dei biocarburanti come giornata delle energie alternative”». Obiettivo del ministro dare vita al movimento RUCO. «Il problema più grande (con i biocarburanti come compresso biogas) era la garanzia di prelievo. Più di 300 aziende hanno ricevuto una lettera di intenti per biogas compresso. La sua attuazione è una sfida. Ma ne stiamo testando 5.000, fino al 2024». 

Il fatto che a pensare alla conversione dell’olio da cucina in biodiesel sia stata l’India non deve stupire, questo paese più di altri necessita di energia per la popolazione che in molte aree remote non dispone regolarmente di corrente elettrica, carburante e ora comincia a scarseggiare anche l’acqua. Il Ministro ha anche detto: “Nell’ambito del Pradhan Mantri Ujjwala Scheme, avremmo raggiunto l’obiettivo di fornire otto connessioni crore GPL entro la fine di settembre. Già, c’è una riduzione del 20 per cento della congestione di produzione energetica grazie al movimento di carburante pulito”. Per quanto riguarda la miscelazione dell’etanolo, ha detto: «Inoltre faremmo l’etanolo da cibo in eccedenza. Attualmente produciamo etanolo dalla melassa di canna da zucchero. Massa biologica non sovvenzionata sarebbe stata convertita in energia». «Circa quattro-cinque anni fa, avevamo deciso di aumentare la miscelazione dell’etanolo con la benzina. È aumentata dall’1,5 per cento al 7 all’8 per cento. Presto sarà del 10%. Il nostro obiettivo finale è quello di raggiungere il 20% di miscelazione di etanolo con la benzina», ha aggiunto il ministro. Attualmente in India si consumano ogni mese 850 litri di diesel in crore. Il governo mira a miscelare il 5% del biodiesel nel diesel entro il 2030. In questo modo, 500 litri di biodiesel di crore sono richieste in un anno. In India vengono utilizzati 2.700 litri di olio da cucina, di cui 140 crore di UCO possono essere raccolti da parte di consumatori di massa come alberghi, ristoranti e mense per la conversione, il che consentirà di fornire circa 110 litri di biodiesel in crore all’anno.

Attualmente, non esiste una catena di raccolta consolidata per l’UCO, che presenta un’enorme opportunità. Parlando in questa occasione, il ministro della salute Harsh Vardhan ha elogiato gli sforzi del ministero del petrolio per la conversione degli OSU in biodiesel. Ha detto che l’uso ripetuto di UCO può causare malattie come l’ipertensione, aterosclerosi, Malattie dell’Alzheimer e del fegato, tra gli altri. 

Anna Lotti