Strategie coesive per l’economia indiana

14

INDIA – Nuova Delhi 07/05/2016. L’India ha bisogno di elaborare strategie coesive per mantenere la sua quota di mercato e aumentarla in un contesto di rallentamento economico globale.

Per il presidente Pranab Mukherjee, ropreso da Sarkaritel: «Il volume del commercio mondiale dovrebbe rimanere stagnante, anche nel 2016, in crescita al 2,8 per cento. In uno scenario come questo, abbiamo bisogno di elaborare strategie coesive per mantenere la nostra quota di mercato in primo luogo e poi aumentarla sempre più», ha detto Mukherjee in un evento della Federazione indiana delle organizzazioni (…) Abbiamo quindi bisogno di essere innovativi nel nostro approccio per catturare i mercati con prodotti su misura nel mondo altamente competitivo di oggi (…) Dobbiamo preoccuparci del volume degli scambi che si svolgono e il loro impatto sull’economia, la crescita industriale e dei livelli occupazionali», ha aggiunto. Le esportazioni indiane sono diminuite, in calo del 5,47 per cento a marzo 2016, mentre per l’esercizio 2015-16, le esportazioni sono diminuite del 15,8 per cento. Gli investimenti diretti esteri sono aumentati del 27,5 per cento nel periodo aprile-febbraio. «La crescita del Pil dell’India è del 7,6 per cento e si prevede arrivi al 7,7 per cento e 7,9 per cento nei prossimi anni, non dobbiamo sentirci in svantaggio perché l’India sta godendo oggi il più alto tasso di crescita delle principali economie del mondo. Quindi questo ritmo di crescita è sicuramente un forte segnale positivo».