INDIA. Amazon frena l’entrata nelle vendite off line

73

Amazon blocca il piano di acquisto della partecipazione in Future Group.

Il cambiamento del governo indiano nelle regole per l’e-commerce ha costretto, infatti, Amazon a modificare il suo piano per raccogliere una partecipazione nella società di vendita al dettaglio offline quando il gigante statunitense Walmart ha acquisito il più grande mercato online indiano Flipkart, la sua rivale Amazon ha rafforzato i piani per raccogliere una partecipazione nei tradizionali rivenditori indiani.

Amazon aveva stanziato quasi 2 miliardi di dollari per investimenti in varie catene di vendita al dettaglio per espandere la propria presenza offline. Ma il governo indiano ha improvvisamente cambiato le regole per gli investimenti stranieri nel commercio elettronico, che ha preso il via il 1° febbraio, costringendo Amazon a mettere un freno ai suoi piani, riporta Asia Times.

Ora la società di Seattle ha deciso di sospendere i suoi piani per raccogliere una partecipazione del 12-15% nel Future Group, una catena di vendita al dettaglio promossa dall’imprenditore indiano Kishore Biyani, per 700 milioni di dollari, riporta Business Standard.

Future Group possiede catene di vendita al dettaglio come Big Bazaar, EasyDay, Nilgiri’s e HyperCity, ed è presente in più di 300 città dell’India attraverso i suoi 1.035 punti vendita.

Amazon sta inoltre rivalutando la sua recente acquisizione di More retail stores. A settembre 2018, Amazon e la società di private equity Samara Capital hanno acquistato la catena alimentare al dettaglio del Gruppo Aditya Birla. La crescita è stata del 49%, mentre Samara ha acquisito il resto. Anche se l’accordo ha tutte le approvazioni normative, nessuna somma di denaro è ancora stata trasferita.

L’azienda statunitense sta valutando i danni causati dall’improvviso cambiamento delle normative sul commercio elettronico in India. Ha dovuto cambiare negligo di poco tempo il suo modello di business per conformarsi alle nuove regole e sta ancora aspettando chiarimenti dal governo su questi argomenti.

Le regole del commercio elettronico, che hanno preso il via il primo febbraio, mirano a frenare le pratiche di marketing come l’offerta di forti sconti e la conclusione di accordi con i venditori per vendere esclusivamente sulle loro piattaforme. Inoltre, impediscono a queste piattaforme di vendere i prodotti distribuiti dalle imprese in cui hanno investito.

Amazon ha dovuto ritirare i prodotti venduti dalle sue holding Cloudtail e Appario, il che ha portato a una perturbazione diffusa. Successivamente ha ristrutturato la sua partecipazione in queste due società, che hanno ripreso le vendite su Amazon a partire dal 7 febbraio.

Maddalena Ingroa