INDIA. A rischio la sopravvivenza delle compagnie di telecomunicazioni

65

La Corte Suprema indiana ha respinto la loro petizione che chiedeva una revisione della precedente ordinanza del tribunale sulle entrate lorde rettificate. Il 24 ottobre, la Corte Suprema ha ampliato l’ambito del calcolo delle entrate portando nel suo ambito le entrate derivanti da attività “non core”, come richiesto dal Dipartimento delle Telecomunicazioni di Nuova Delhi.

Ha dichiarato che tutti i ricavi derivanti agli operatori di telecomunicazioni, compresi quelli della vendita di apparecchi telefonici, dall’affitto, dai dividendi, dagli interessi, dagli utili derivanti dalla vendita di rottami, dalle tariffe di terminazione e dalle tariffe di roaming, sarebbero stati inclusi nel calcolo dei ricavi lordi rettificati. Secondo la nuova definizione, le imprese di telecomunicazioni dovranno pagare collettivamente 1,47 trilioni di rupie a titolo di quote legali passate. Il canone di licenza e gli oneri per l’utilizzo dello spettro sono calcolati sulla base dei ricavi lordi rettificati. Con il ritiro della loro petizione, le aziende di telecomunicazioni dovranno pagare il denaro al governo entro il 23 gennaio.

Lo scorso novembre le società di telecomunicazioni si sono rivolte al tribunale dopo che il governo ha chiarito che spettava alle società chiedere una revisione dell’ordine per ottenere un alleggerimento, o se volevano più tempo per pagare le tasse. Le società di telecomunicazioni avevano chiesto separatamente una revisione limitata della sentenza del tribunale. Mentre Bharti Airtel avrebbe chiesto una revisione degli interessi, della sanzione e degli interessi su sanzione, Vodafone Idea ha chiesto una revisione della sanzione e un nuovo esame delle somme attribuite alle entrate fittizie.

Il tribunale della Corte Suprema ha dichiarato di non aver trovato alcun merito nella petizione di revisione e l’ha respinta. Le società di telecomunicazioni avevano chiesto un’udienza pubblica sulla loro petizione di revisione, ma la Corte suprema ha deciso di attenersi alla sua convenzione di fare un’udienza in camera.

Secondo le norme del tribunale, il ricorso va sempre fatto allo stesso tribunale che ha pronunciato il verdetto di primo grado, quindi raramente viene accettata. Il ministro delle Telecomunicazioni Ravi Shankar Prasad ha detto al Parlamento a novembre che le società di telecomunicazioni dovevano al governo 922 miliardi di rupie in diritti di licenza non pagati e altri 550 miliardi di rupie in spese di utilizzo dello spettro in sospeso.

Con il rifiuto della petizione di revisione, è a rischio la sopravvivenza stessa di Vodafone Idea e Bharti Airtel è in dubbio. Poco dopo la sentenza emessa dal tribunale in ottobre, entrambe le società hanno registrato pesanti perdite trimestrali al fine di effettuare accantonamenti per i ricavi lordi rettificati.

Lucia Giannini