India a corto di energia

12

Clima rovente in l’India, non per le temperature, ma per la mancanza di energia elettrica. Alla fine di luglio si sono susseguite una serie di interruzioni elettriche nel nord e nell’est che hanno bloccato molte città indiane.

Stop ai trasporti pubblici, ospedali, scuole e industria. La domanda indiana dell’India supera di gran lunga l’offerta. Il bbom economico non è stato supportato da cambiamenti infrastrutturali rilevanti. Non solo, l’India è uno dei pochi stati in cui il controllo e la gestione del settore energetico è sotto il controllo pubblico, e i black-out sono un incentivo a mollare la presa. Diversi, dunque, i che fattori ha portato al black-out. Caldo estivo ha causato una forte domanda di aria condizionata, e la stagione dei monsoni ha iniziato in ritardo, il che ha aumentato la domanda rurale di energia elettrica per le pompe utilizzate per estrarre acqua di falda per compensare le piogge carenti nei terreni agricoli. Le scarse precipitazioni colpito anche dighe idroelettriche del paese. Il paese sta vivendo anche problemi di carburante, come la riduzione del gas naturale nel Golfo del Bengala. Il carbone è ancora una fonte di energia importante pure, e l’industria del carbone in India è monopolizzato dallo Stato. Molte centrali non sono state in grado di adeguarsi agli aumenti del prezzo del carbone.