Il lato dolce del miele

37

ITALIA. Ma il miele fa bene o male? Se lo sono chiesti all’authority nutrition. Secondo i dati nutrizionali, un lotto tipico di miele è composto dall’82% di zucchero, il cui 40% è fruttosio. Ci sono poche tracce di vitamine e minerali mentre il miele è ricco di antiossidanti. Il suo contenuto di glucosio e fruttosio può variare notevolmente e il suo indice glicemico varia da basso ad alto a seconda del tipo di miele consumato. Elevate quantità di zucchero possono essere fattori di rischio in futuro per malattie come il diabete. In uno studio su 48 pazienti diabetici, quelli nutriti con il miele per otto settimane hanno visto una diminuzione del loro peso corporeo, i trigliceridi e colesterolo totale, mentre il colesterolo HDL è aumentato. Tuttavia, HbA1c (un indicatore dei livelli di glucosio nel sangue) è aumentato. E questo non è un bene. Un altro studio in soggetti sani, diabetici e iperlipidemici ha rivelato che: Il miele ha alzato la glicemia meno di destrosio (glucosio) e del saccarosio (glucosio e fruttosio). E ancora ha aumentato il livello di zucchero nel sangue, ma non così tanto come ci si aspetterebbe. Il miele ha ridotto proteina C-reattiva (CRP) – un marker di infiammazione. Ha abbassato il colesterolo LDL, i trigliceridi nel sangue e aumentato il colesterolo HDL. Il miele anche abbassato omocisteina, un altro marcatore del sangue associato alla malattia. Non solo, il miele non raffinato contiene un’abbondanza di antiossidanti che possono avere importanti implicazioni per la salute. In generale, gli antiossidanti nella dieta sono associati con il miglioramento della salute e un più basso rischio di malattia. Due studi sull’uomo hanno rivelato che il consumo di miele di grano saraceno aumenta il valore antiossidante del sangue. Il contenuto di antiossidanti di diversi tipi di miele può variare fino a 20 volte. In generale, però, i mieli più scuri come il miele di grano saraceno sono migliori rispetto alle varietà più leggere e chiare. Alla fine, se si è sani, attivi e non c’è bisogno di perdere peso, assumere un po’ di miele di certo è meglio che utilizzare lo zucchero. Tuttavia, per le persone che sono in sovrappeso, diabetici e in lotta con il loro carico alimentare di fruttosio e carboidrati dovrebbero probabilmente evitare il miele, per quanto possibile.

Redazione