Il Brasile produce farmaci in Mozambico

53

Il governo brasiliano inizierà una produzione di farmaci antiretrovirali (ARV) e altri prodotti farmaceutici in una fabbrica in Mozambico, a riferirlo un comunicato della presidenza brasiliana.

Secondo cui, la produzione potrebbe essere fatta attraverso l’Institute of Drug Technology (Farmanguinhos), un’unità della Fondazione Oswaldo Cruz.

Sabato scorso nella capitale del Mozambico, Maputo, si è tenuta una cerimonia per celebrare l’apertura dello stabilimento, a conclusione della quale si è tenuto anche il Summit della Comunità dei paesi di lingua portoghese (CPLP). Ufficialmente conosciuta come la Compagnia del Mozambico Farmaci (SMM), la fabbrica, è la prima istituzione pubblica nel settore farmaceutico in Africa, ed è stata resa possibile da una partnership unica tra i governi di Brasile e Mozambico.

La dichiarazione – della presidenza brasiliana – afferma anche che l’iniziativa fa parte di un accordo di cooperazione tra i due paesi e si prevede che a beneficiare dei farmaci saranno 2,7 milioni di persone che in Mozambico attualmente vivono con l’HIV / AIDS. Inizialmente verranno prodotti tre farmaci antiretrovirali: Lamivudina + Zidovudina, nevirapina e ribavirina – per un totale di 226 milioni di unità all’anno farmaceutiche che saranno distribuiti ai pazienti. Altri cinque farmaci verranno aggiunto alla lista in futuro. In aggiunta ai farmaci antiretrovirali, è prevista la produzione di altri 21 tipi di farmaci, compresi gli antibiotici, anti-anemici, antiipertensivi, antinfiammatori, hypogliceimici, diuretici, corticosteroidi e farmaci antiparassitari. Nel complesso, la fabbrica prevede di produrre circa 371 milioni di unità farmaceutiche all’anno. La tecnologia per lo sviluppo e la produzione dei farmaci sarà trasferita gradualmente da Farmanguinhos. La Fondazione Vale, partner di Fiocruz nel progetto, finanzia l’80 per cento della costruzione infrastrutturale dello stabilimento, che è di 3.000 metri quadrati. Il governo brasiliano sta fornendo il supporto di know-how per un totale di 23 milioni di dollari, che comprende tutte le fasi di sviluppo e l’attuazione, compresi gli studi di fattibilità, acquisto di attrezzature, trasferimento di tecnologie, formazione tecnica, la convalida e la registrazione della presentazione di certificazione nazionale e internazionale. Lo sviluppo della struttura battezzata sabato è iniziata nel 2003.

Il Mozambico, 24 milioni di abitanti, conta l’11,3 per cento della popolazione affetta da HIV / AIDS (dati del Consiglio nazionale per la lotta contro l’AIDS (CNCS)). Secondo il direttore dell’ufficio Fiocruz in Africa, José Luiz Telles, aumentando il regolare accesso per i pazienti di farmaci di qualità si migliorano le condizioni di vita dei pazienti, priorità questa nell’agenda della salute pubblica del Mozambico. «L’installazione della fabbrica antiretrovirali contribuirà a questa sfida. Sulla linea di produzione, per esempio, è il farmaco Nevirapina, che è attualmente utilizzata nel protocollo nazionale per il trattamento di bambini infetti e nella prevenzione della trasmissione verticale, cioè da madre a figlio» ha chiosato Telles.