I russi vorrebbero un IV mandato di Putin

212

di Graziella Giangiulio RUSSIA – Mosca 18/11/2016. La percentuale di russi per cui Vladimir Putin debba continuare a guidare il paese dopo le elezioni presidenziali del 2018 è salito in quattro anni ed è attualmente al 63 per cento, secondo l’ultimo sondaggio.
Secondo quanto riportato da Rt, il centro di ricerca indipendente Levada ha detto che ad ottobre 2016 la quota di russi favorevole alla prosecuzione della presidenza di Putin per un altro termine era al 63 per cento, con il 18 per cento dicendo che preferirebbe un altro scenario e il 19 per cento che rifiuta di dare una risposta univoca alla domanda.

Per confronto, a ottobre 2012 solo il 34 per cento degli intervistati aveva espresso un atteggiamento positivo verso un quarto mandato presidenziale per Putin e il 40 per cento aveva definito indesiderabile una simile possibilità. La percentuale di coloro che non hanno risposto alla domanda è stata del 26 per cento allora.
Secondo il quotidiano Vedomosti, il crescente sostegno a Vladimir Putin e alla sua politica potrebbe essere spiegato con il persistente “effetto Crimea”, cioè l’approvazione pubblica universale per l’adesione della Repubblica di Crimea alla Federazione Russa e anche dal fatto che il russo medio è stanco della politica e non sta seguendo da vicino gli ultimi eventi.
Levada ha aggiunto che il 26 per cento delle persone che volevano un altro leader erano «coloro che non sono soddisfatti della propria vita e allo stesso tempo hanno una scarsa conoscenza del sistema politico e del modo in cui funziona».

Alla fine di maggio 2016, Levada aveva pubblicato un sondaggio che esprimeva la fiducia del pubblico verso politici e funzionari pubblici. Putin era in cima alla lista con il supporto 80 per cento, seguito dal ministro della Difesa Sergey Shoigu e dal ministro degli Esteri Sergey Lavrov; sempre a maggio il centro di ricerca governativo Vtsiom affermava che i russi contenti della politica di Putin erano l’82 per cento e ancora più russi, 84 per cento, avevano detto di essere pronti a votare per Putin alle elezioni presidenziali.