HONG KONG. Proibita la marcia per il ritorno della città alla Cina

35

Il dipartimento di polizia di Hong Kong ha negato il permesso alla marcia annuale nell’ex colonia britannica il 1° luglio per celebrare l’anniversario del ritorno della città in Cina nel 1997, hanno detto l’organizzatore e la polizia in diverse dichiarazioni.

In un avviso all’organizzatore, il Fronte dei diritti umani civili, Chrf, la polizia ha citato le regole attuali della città che limitano gli incontri a non più di 50 persone a causa della pandemia di coronavirus, dicendo che le assemblee pubbliche e le manifestazioni non sono esenti.

L’avviso, pubblicato sulla pagina Facebook del Fronte, citava anche gli incidenti violenti che hanno avuto luogo dopo le assemblee pubbliche e i raduni organizzati dal gruppo negli ultimi 12 mesi. «In seguito alla valutazione del rischio, la polizia ha ritenuto che le assemblee pubbliche e il corteo siano attività ad alto rischio», ha detto il dipartimento di polizia locale in un post separato sulla pagina Facebook del dipartimento, ripreso da Trt.

La mossa viene in anticipo rispetto a una riunione di tre giorni di domenica del parlamento cinese, che dovrebbe emanare una nuova legislazione sulla sicurezza nazionale alla vigilia del 23° anniversario del ritorno di Hong Kong al governo cinese. La Cina dice che la legge sulla sicurezza nazionale, che ha allarmato i governi e gli attivisti stranieri, si rivolgerà solo a un piccolo gruppo di facinorosi e che le persone che rispettano la legislazione non hanno motivo di preoccuparsi. I critici temono che questa nuova legislazione soffochi le libertà del centro finanziario.

È la prima volta che la marcia annuale è stata vietata da quando Chef le ha iniziate nel 2003, quando mezzo milione di persone sono uscite per protestare contro il tentativo del governo locale di introdurre una legge sulla sicurezza nazionale. Quella legge è stata accantonata, ma Pechino ha deciso di imporre una nuova legge sulla sicurezza in città, sostenendo che i manifestanti di Hong Kong volevano sperare la città dalla Cina.

Pechino ha ripreso il controllo di Hong Kong il 1° luglio 1997, con la formula “un paese, due sistemi”, che permette libertà non godute nella Cina continentale, tra cui la libertà di protesta e una tanto agognata magistratura indipendente.

Negli ultimi anni, l’anniversario del passaggio di consegne è stato segnato da un crescente sconforto per ciò che molti residenti vedevano come una crescente ingerenza da parte della Cina continentale e l’erosione delle libertà.

La città semi-autonoma è stata sconvolta da un anno di grandi manifestazioni, spesso violente, che sono iniziate con un disegno di legge sull’estradizione, che è stato poi abortito, ma si sono trasformate in un appello popolare per la democrazia e la responsabilità della polizia. L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato il 26 giugno di limitare i visti per alcuni funzionari cinesi per aver violato l’autonomia di Hong Kong, mentre il Congresso ha chiesto sanzioni più severe.

Annunciando le restrizioni sui visti, il segretario di Stato americano Mike Pompeo non ha fatto il nome di nessuno di quelli presi di mira. L’ambasciata cinese a Washington ha detto: «Nessuno ha alcun motivo legale o diritto di fare commenti irresponsabili sugli affari di Hong Kong»; anche l’Ue ha avvertito la Cina che avrebbe dovuto affrontare «conseguenze molto negative» se avesse portato avanti il nuovo disegno di legge.

Luigi Medici