Honduras: licenziato il capo della polizia

49

HONDURAS – Tegucicalpa. 21/12/13. Licenziato Juan Carlos Bonilla, “El Tigre” dal nuovo presidente dell’Honduras, Juan Orlando Hernández in accordo con l’ex presidente Porfirio Lobo.

L’ex capo della polizia, ultimamente scomodo di fronte alla opinione pubblica è stato accusato di dirigere gli squadroni della morte e di aver violato i diritti umani mentre era in servizio. La notizia circolava dal 24 novembre, ma solo a dicembre è maturata la decisione, il 12.

Nel mese di marzo, l’Assistente Segretario dell’antidroga degli Stati Uniti, William Brownfield, ha detto che il suo paese ha sostenuto la polizia dell’Honduras, ma ha ignorato le accuse su “El Tigre” che violava i diritti umani. Il mandato di Bonilla come direttore della polizia dell’Honduras è stato circondato da polemiche fin dal giorno in cui è stato nominato . Bonilla è stato incriminato nel 2002 per violazione dei diritti umani, ma i giudici lo hanno dichiarato innocente e la Corte Suprema ha confermato la sentenza nel 2009. Eppure le accuse contro di lui sono continuate per il suo passato e la sua presunta relazione con gli squadroni della morte in Honduras polizia. Bonilla «è stato l’unico alto ufficiale che non ha legami noti con la criminalità organizzata», ha detto Arabeska Sánchez, un ricercatore dell’Istituto di pace e la sicurezza, come professore presso l’Accademia di polizia . Durante un’intervista con l’AP nel mese di ottobre, il generale Bonilla ha negato tutte le accuse contro di lui e ha ammesso che non era nei suoi piani rimanere CEO della polizia con il nuovo governo. Ha mostrato il suo desiderio di essere assegnato ad una posizione su una rappresentanza diplomatica all’estero Honduras. Il Congresso degli Stati Uniti non consente l’erogazione di fondi a persone o istituzioni accusate di violare i diritti umani.