Hezbollah e Sirian Army contro al-Nusra e ISIS

68

LIBANO – Beirut.03/05/15. L’esercito siriano e Hezbollah hanno quasi finito accordi militari per completare il piano di pulizia dai gruppi islamisti sulla catena montuosa orientale del Libano, dicono fonti della sicurezza citate dal The daily Star Libano.

 

Gli accordi militari in corso sono stati fatti attraverso un comitato di collegamento congiunto guidato da un comandante militare di Hezbollah identificato come Hussein Hajj A., si legge dalle colonne del giornale. Le fonti anonime avrebbero riferito che l’esercito siriano ha portato nel giro di pochi giorni una serie di lanciarazzi, batterie di artiglieria e cannoni e li distribuiti in aree strategiche e sulle colline nella città di Zabadani, che era stata riconquistata di recente dall’esercito siriano e Hezbollah, come ad esempio Qasr al-Namroud, Shakif Ahmar, Qorqoumaz, Ras al-Ghashaa e Jabal Sheick Mansour. I preparativi per la battaglia sulla catena montuosa orientale, vicino al confine con la Siria, stanno andando avanti spediti. Hezbollah ha riferito che mobiliterà i suoi combattenti per un’offensiva contro i militanti islamici, vale a dire ISIS e il Fronte al-Nusra, radicati nella regione di Qalamoun in Siria. I due gruppi hanno ancora in ostaggio 25 militari libanesi catturati durante i combattimenti feroci con l’esercito libanese nella città nord-orientale di Arsal lo scorso agosto. Secondo le stesse fonti, Hezbollah ora controlla completamente i margini della catena montuosa orientale vicino alla città di Baalbek, la città di Nahleh a nord fino alla periferia della città di Nabi Sheet, a sud est di Baalbek. Il partito ha proibito a pastori, cittadini e cacciatori di entrare in questo settore, che è stato trasformato in zona militare in cui Hezbollah ha installato missili a lungo raggio, istituito posti di blocco e tunnel costruiti, fortificazioni e tumuli di terra, hanno detto le fonti. Hanno aggiunto che Hezbollah ha schierato alcune delle sue unità nelle zone montagnose aspre di fronte le posizioni dei militanti come una sorta di blocco militare. Nel frattempo, fonti della sicurezza hanno detto che l’esercito libanese ha completato il legame tra i suoi punti di militari avanzati alla periferia di Arsal attraverso un’operazione di sicurezza rapida effettuata da unità militari schierate lungo la zona montuosa da Arsal alle città di Ras Baalbek e Fakiha, aree su la frontiera orientale con la Siria. Elicotteri e droni dell’esercito hanno partecipato all’operazione. L’esercito ha anche ottenuto il controllo sulle colline di Tahouna al-Hawa (mulino aria) e Hawarta vicino alla periferia di Fakha e Ras Baalbek, nonché una zona che si affaccia Wadi al-Seel in Fakiha, hanno detto le fonti. Seìmbra anche che il controllo militare su queste aree ha impedito ai militanti di infiltrarsi in territorio libanese, in particolare da Wadi Hmaid alla periferia di Arsal. Secondo le fonti, il reggimento di ingegneria dell’esercito libanese ha iniziato la costruzione di fortificazioni di terra intorno a punti militari recentemente costruiti in collina e le aree che sono stati sequestrati da militanti di recente, e rinforzato con il personale militare e mezzi essenziali. Questa operazione ha permesso alle unità dell’esercito di completare il collegamento geografico tra i suoi punti di militari e avanzate lungo le montagne orientali, hanno detto le fonti.