GRAN BRETAGNA. Terrorismo e social media: le major non fanno abbastanza 

94

Le imprese della tecnologia e dei social media permettono agli estremisti di agire impunemente e non si impegnano ad affrontare la minaccia terroristica online, ha dichiarato, il 6 aprile, Mark Rowley, il più alto funzionario britannico di polizia per la lotta al terrorismo al Security and Counter Terror Expo 2018.

Rowley, riporta Reuters, ha anche criticato i principali fornitori di servizi di comunicazione per non aver agito contro gli estremisti, affermando di non aver segnalato alla polizia britannica le attività terroristiche presenti nei loro siti. «Gli estremisti online sembrano in grado di agire impunemente, occupando spazi di proprietà e gestiti da società legittime e molto ricche», ha dichiarato Rowley durante una conferenza sulla sicurezza a Londra, ripresa da Reuters.

«Si tratta effettivamente di “affittuari” di spazi privati dei servizi di comunicazione. Nel mondo reale, se un padrone di casa sapesse che la sua proprietà era utilizzata per pianificare o ispirare attentati terroristici, ci si aspetterebbe che dimostrasse responsabilità informando le autorità» ha detto Rowley. Le autorità britanniche hanno da tempo accusato le imprese tecnologiche di non aver fatto abbastanza per affrontare il problema dell’estremismo su Internet, affermando di aver troppo spesso chiuso un occhio sulle azioni di coloro che utilizzano i loro servizi.

Il ministro della Sicurezza di Londra ha avvertito che la Gran Bretagna potrebbe imporre tasse su Google e Facebook, a meno che le major non facciano di più per combattere l’estremismo online e il ministro degli Interni Amber Rudd è stata a Silicon Valley, nel 2016, per chiedere maggiore cooperazione dopo i quattro attacchi del 2017, in cui sono rimaste uccise 36 persone. «Come servizio di polizia, non abbiamo ancora ricevuto un riferimento diretto da loro, quando hanno identificato comportamenti terroristici» ha detto Rowley.

Rowley ha affermato che non è giusto che una persona possa essere radicalizzata online, visualizzando contenuti illegali, che possa comunicare con un estremista utilizzando comunicazioni criptate, che possa ricercare potenziali bersagli e scaricare materiale per la fabbricazione di bombe.

Ha detto che gli strumenti e la tecnologia del futuro dovrebbero essere concepiti «tenendo presente la responsabilità sociale delle imprese» in modo che non possano essere sfruttati dai terroristi. Pur affermando che il settore finanziario ha preso provvedimenti per contrastare il finanziamento del terrorismo, le società di social media non hanno fatto abbastanza: «Nonostante i notevoli progressi compiuti negli ultimi mesi, non sono rassicurato dal livello di attività e dall’impegno dei fornitori di servizi di comunicazione nel contrastare la minaccia terroristica», ha dichiarato.

Julian King, commissario per la Sicurezza dell’Unione europea, ha inoltre dichiarato alla conferenza che, a meno che non si compiano rapidi progressi nell’eliminazione del materiale estremista, esisteva un “rischio reale di frammentazione” che portava a far passare 28 diverse forme di legislazione attraverso il blocco.

Maddalena Ingrao