GOLFO PERSICO. Il 1914 del Medio Oriente

69

Ben trovati al consueto appuntamento AGC social Media News; tema di questo approfondimento è il seguente: Il 1914 del Medio Oriente è ora

Nel 1914, il proiettile che ha ucciso l’arciduca Francesco Ferdinando d’Austria ha incendiato l’intero continente europeo. Oggi, un singolo attacco con un razzo, un drone o una mina potrebbe scatenare un’escalation militare tra gli Stati Uniti e l’Iran e i loro rispettivi alleati che potrebbe rivelarsi impossibile da contenere.

Lasciati a se stessi, per oltre 40 anni, Washington e Teheran ora sono rotta di collisione. La campagna di “massima pressione” dell’amministrazione Trump, sembra disposta a non fermarsi davanti a nulla – che si tratti di sanzionare i vertici politici e militari iraniani o di costringere a zero le esportazioni di petrolio del Paese – pur di mettere in ginocchio Teheran.

L’obiettivo è la volontà dell’Iran di non cedere, ma di resistere – sia riavviando il suo programma nucleare, sia prendendo di mira gli Stati Uniti e i suoi alleati regionali. Il risultato sempre più probabile è un confronto militare.

I contorni di un conflitto futuro sono già evidenti. L’Iran ha avvertito che accelererà gradualmente le violazioni dell’accordo nucleare se le sanzioni unilaterali degli Stati Uniti continueranno a negargli i dividendi economici promessi dall’accordo e spingeranno invece l’economia iraniana nel terreno.

Se Teheran dovesse agire sulla sua minaccia, l’accordo si scioglierà, innescando sanzioni internazionali più ampie e aumentando la possibilità di attacchi militari statunitensi e/o israeliani contro un programma nucleare attualmente contenuto. Il rischio è attirare gli attori regionali, allineati con entrambe le parti, in una spirale escalation.

L’Iraq, arena di concorrenza tra Stati Uniti e Iran, potrebbe trovarsi sempre più spesso in un terreno di battaglia, anche se il suo governo cerca disperatamente di non essere trascinato in una lotta che non considera propria.

Nello Yemen, attacchi transfrontalieri Huthi sull’Arabia Saudita o attacchi al traffico del Mar Rosso potrebbero innescare un ciclo escalation che coinvolga gli  USA. Nel Golfo e nello Stretto di Hormuz, importante nodo energetico, ulteriori incidenti potrebbero portare ad interventi militari volti a proteggere il commercio del petrolio.

In Siria, lo strano gioco tra Iran e Israele potrebbe sfuggire al controllo e annullare la reciproca deterrenza tra Israele e Hezbollah che dal 2006 mantiene il confine Israelo-Libanese in tranquillità relativa. La miccia potrebbe essere stata bruciata il 14 settembre, quanto attacchi di provenienza incerta hanno colpito l’Arabia Saudita.

Questi attacchi aerei agli impianti petroliferi di Abqaiq e Khurais, gestiti dalla compagnia petrolifera statale Aramco, hanno chiuso circa il 50% della produzione petrolifera del regno. Il movimento Huthi dello Yemen, che dal 2015 è impegnato in una guerra con gli oppositori yemeniti e i loro sostenitori guidati dall’Arabia Saudita, ha immediatamente rivendicato la responsabilità.

Gli Stati Uniti hanno prontamente respinto le affermazioni degli Huthi come infondate e hanno puntato il dito contro Teheran, dicendo che gli attacchi provenivano prima dall’Iraq o dall’Iran e poi dall’Iran meridionale. Anche Riyadh incolpa Teheran per gli attacchi, ma è più cauto su chi li ha lanciati e da dove. Baghdad dice che il suo territorio non è stato utilizzato. Da parte sua, Teheran nega ogni coinvolgimento, accusando i sauditi e gli Stati Uniti di “massimo inganno”.

Se prove credibili dimostrano che gli attacchi hanno avuto origine in territorio iraniano, ciò segna un allontanamento dalla strategia di Teheran di respingimento attraverso procure e negazione plausibile. Annullando la de-escalation. In ogni caso, per molti versi il dado è tratto.

Per gli Stati Uniti e i suoi alleati, questo incidente è un attacco dell’Iran al cuore dell’infrastruttura petrolifera saudita e globale .

Ora sono di fronte a un dilemma: se e come rispondere, dato il rischio di avviare una reazione a catena; un domino che dal Golfo Persico arriverebbe fino al Centro Asia in poco tempo.