Giocatori di slot machine e vlt. Qual’ è l’ importo delle perdite?

67
Vizio del Gioco

Per essere obbiettivi, cosa che si pretende da tutti gli attori che salgono sul palcoscenico del mondo del gioco pubblico e dei migliori casino online, anche chi scrive deve percorrere questa strada. Non si puÚ quindi non fare riflessioni sui giocatori e sulle spese che mettono in campo per divertirsi con le apparecchiature da intrattenimento. L’italiano, popolo di poeti e di navigatori, E’ anche un popolo di giocatori e lo ha sempre fatto, da anni, ancora quando il mondo del gioco era in ìmano ai videopoker e gestito, si sa, dall’illegalità.

Questa illegalità e questo “giocare” allora ha fatto decidere lo Stato a pensare di introdurre il gioco lecito per togliere dalle mani della criminalità un settore che anche a quei tempi “rendeva parecchio”, ma comportava parecchi problemi sotto tanti punti di vista sociali: da qui, la nascita del mondo del gioco pubblico.
Dopo questa breve storia si deve -come detto- riconoscere che chi ama il gioco… spende e qui, in queste righe, si vuole analizzare questo senza allarmismi o senza “fare gli struzzi”, solo guardare cosa succede intorno a noi ed intorno al mondo del gioco pubblico. Lo scorso anno i giocatori italiani hanno ìpersoî al gioco sulle apparecchiature da intrattenimento terrestri complessivamente 10 miliardi e 250 milioni di euro.

Questi sono dati certi e non buttati a caso sul piatto: per capire quale potrebbe essere la spesa media pro capite bisogna rapportare la somma precedente con il numero dei giocatori di queste apparecchiature di gioco. Al momento l’unico dato certo Ë quello che risulta dallo studio del Cnr di Pisa pubblicato nel settembre dello scorso anno dal quale risulta questo: nell’analisi dei comportamenti di gioco rilevata sulla fascia di popolazione tra i 15 ed i 64 anni, solo il 6,4% dichiara di aver giocato con apparecchiature di gioco.

Altri dati ricavabili sono che anche gli ultra-sessantacinquenni giocano: 40 milioni sono gli italiani tra i 15 ed i 64 anni e 10 quelli tra i 65 e gli 84. Facendo dei rapidi ma complicati calcoli, si puÚ arrivare al numero di 1.373.000 persone circa che giocano agli apparecchi automatici di gioco. Se i 10 miliardi e 250 milioni di euro ìpersi annualmenteî sono ìpersiî da circa 1.373.000 persone, vuol dire che in media ciascun giocatore ìperde oltre 600 euro al mese suddivisi tra slot e Vlt.

Questi sono dati nudi e crudi ed informazioni casino online presi da fonti certe: quindi, con tutto il cuore si aspetta che qualcuno li disconosca ed aiuti a capire se i risultati possono essere diversi anche perchÈ, sinceramente, sembrano dati altissimi che quando sono stati letti hanno “fatto stare male” ed assumono una “dimensione drammatica”.

L’unica possibilità sarebbe quella di pensare che i giocatori di slot e Vlt non sono solo 1,3 milioni, ma sono molti di più e non si vogliono dichiarare: dovrebbero essere almeno 4 milioni!

Seicento euro mensili pro capite sono in ogni caso assurdi e devono destare, se così fosse, un allarme assoluto: ma siamo quasi certamente sicuri che sia un dato che deve essere un campanello d’allarme senz’altro, ma che deve fare sopratutto capire quanto Ë restio il giocatore ìa dichiararsiî innanzitutto quello che sa di aver perso molto. I risultati raggiunti incutono preoccupazione: così come incute preoccupazione sapere che chi Ë coinvolto dalle derive dell’abuso del gioco Ë restio a recarsi nei punti di ascolto. Nel gioco tutto Ë possibile come in qualsiasi altra dipendenza.

Native Adv