Che fine ha fatto Jumpei Yasuda?

5

GIAPPONE – Tokyo 24/12/2015. Il governo giapponese ha scelto di non confermare o smentire il rapimento di un giornalista nipponico in Siria.

Jumpei Yasuda, giornalista nipponico scomparso in Siria a luglio, sarebbe lo scomparso su cui il governo di Tokyo non si pronuncia. La tv pubblica giapponese Nhk, ha citato però i darti di Reporter Senza Frontiere (Rsf), per dire che Yasuda era «stato rapito da un gruppo armato in una zona controllata da Jahbat al Nusra, gruppo affiliato ad al Qaeda». Nhk ha detto che Yasuda era «entrato in Siria dalla Turchia meridionale verso la fine di giugno 2016 per coprire la guerra civile del paese (…) Era accompagnata da una guida (…) Yasuda sarebbe dovuto tornare a luglio, ma la sua sorte resta sconosciuta». Rsf ha chiesto al governo giapponese di fare il possibile per garantire il rilascio di Yasuda, visto che è stata posta una taglia e che il gruppo che lo ha rapito ha lanciato un ultimatum per il pagamento del riscatto, minacciando di giustiziarlo o venderlo ad un altro gruppo di terroristi. Yasuda era stato già tenuto prigioniero da milizie locali per quattro giorni in Iraq nel 2004.